A scuola arriva il DADA: il metodo didattico innovativo, senza cattedre e con studenti sempre in movimento

5  min di lettura

D.A.D.A. è l’acronimo di Didattiche per Ambienti di Apprendimento e nasce con l’obiettivo di valorizzare il buono del sistema educativo italiano. Colmare il gap con i best performers europei. Migliorare ed incrementare il successo scolastico di ciascuno studente favorendone dinamiche motivazionali e di apprendimento. Efficaci per l’acquisizione delle abilità di studio proprie del Lifelong Learning.

Questo progetto ha l’ambizione di concretizzare un modello di innovatività didattico-organizzativa, su base tecnologica, ponendosi come paradigma metodologico disseminabile e trasferibile in altri contesti. La sfida consiste proprio nella sua realizzazione operativa rimanendo praticamente invariati molti dei fattori che determinano il sistema scolastico italiano.

L’idea è quella di poter proporre il progetto DADA come un modello paradigmatico. Sia dal punto di visto metodologico sia organizzativo. Che si ponga come eccellenza delle buone pratiche della scuola italiana. Ricalca il modello svedese nel quale l’aula come concetto standard non esiste più, ma viene concepita come spazio da condividere, ambiente accogliente in cui il movimento è fluido e la tecnologia è fulcro dell’intera struttura.

I Licei Scientifici Statali “J. F. Kennedy”, “A. Labriola” di Roma e in ultimo, ordine di tempo L’istituto superiore Elsa Morante di Firenze, hanno avviato  una radicale innovazione pedagogico–didattica e organizzativa con l’obiettivo di coniugare l’alta qualità dell’insegnamento liceale italiano, con la funzionalità organizzativa di matrice anglosassone. Gli istituti funzionano per “aula–ambiente di apprendimento” , assegnata a uno o due docenti della medesima disciplina, con i ragazzi che si spostano durante i cambi d’ora. Ciò favorisce l’adozione, nella quotidianità scolastica, di modelli didattici funzionali a quei processi di insegnamento-apprendimento attivo in cui gli studenti possano divenire attori principali e motivati nella costruzione dei loro saperi.

SCUOLADADA.IT

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.