Scuola, DL inclusione. Conte: “Consentiremo una crescita degli alunni disabili sul piano dell’uguaglianza”

5  min di lettura
Conte

“Si è da poco concluso il Consiglio dei Ministri. Abbiamo approvato il decreto correttivo del decreto legislativo del 2017 sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Si realizza un cambio di passo nella scuola italiana, si afferma un principio di civiltà. Si creano le premesse per migliorare l’inclusione scolastica, coinvolgendo le famiglie e consentendo la crescita delle alunne e degli alunni con disabilita’ su un piano di uguaglianza con gli altri”. Lo scrive il premier Giuseppe Conte in un post su Fb.

Conte: “Nel solco della convenzione Onu”

” L’intero provvedimento si richiama alla Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità, e introduce il modello bio-psico-sociale della disabilita’. D’ora in poi tutti, nella scuola, saranno coinvolti nei processi di inclusione volti a rimuovere le barriere che ostacolano la piena partecipazione dell’alunno”, scrive Conte.

Quello della notte scorsa è stato un consiglio dei ministri lungo e discusso. Le forze di governo – Lega e Movimento 5 Stelle – hanno avuto modo di discutere anche sui temi della scuola. Questo nonostante l’attenzione sia polarizzata sull’approvazione del cosiddetto “decreto sicurezza bis”, ritenuto una priorità dall’anima leghista del governo.

Un cdm movimentato

E’ un periodo di mal di pancia e scontro in seno alla maggioranza, con il premier Conte abbastanza adombrato per le ultime dichiarazioni nei suoi confronti. Il leghista Giorgetti, infatti, ha messo in dubbio la sua imparzialità nella gestione degli affari dell’esecutivo. Gli ha fatto eco Salvini, precisando che la Lega rispetta il premier ma resta fuor di dubbio che sia stato scelto dal Movimento 5 Stelle.

Segnali di tensione arrivano anche dal Quirinale, che infatti ha posto Conte nelle condizioni di sospendere il Consiglio dei Ministri. Alcune criticità del Sicurezza bis, infatti, sono state segnalate anche dal Colle che si riserva più approfondite valutazioni.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sul profilo ufficiale Twitter

I commenti sono chiusi.