La retribuzione professionale docenti spetta anche ai supplenti: MIUR sconfitto sei volte in Tribunale

3  min di lettura
scuola

La retribuzione professionale docenti negata dal Miur ai supplenti temporanei e riconosciuta solo ai lavoratori con contratto a termine almeno al 30 giugno o di ruolo, deve invece essere riconosciuta a tutti i lavoratori a prescindere dalla durata del contratto. Questo quanto ottenuto dai legali Anief presso i Tribunali del Lavoro di Ivrea e Torino. Con la conferma che il Ministero dell’Istruzione, negando tale emolumento al personale ATA e docente con supplenze brevi e saltuarie, commette un’ingiustificata disparità di trattamento vietata dalla normativa comunitaria.

L’Anief ricorda a tutti i propri iscritti che è ancora possibile aderire gratuitamente allo specifico ricorso promosso dal nostro sindacato per vedersi riconosciuto l’assegno mensile dal valore di 164,00 euro fino a 257,50 euro per i docenti e da 58,50 fino a 64,50 euro per gli ATA.

 

 

I commenti sono chiusi.