Zingaretti pensa all’istruzione: “Scuola a costo zero per 7 milioni di famiglie”

5  min di lettura

Zingaretti pensa anche all’istruzione nel piano Dem sul futuro. “Il terzo provvedimento che proponiamo è la ‘scuola a costo zero per sette milioni di famiglie’. Il tasso di evasione scolastica è del 14,5%, un dato drammatico che aumenta di un punto l’anno. Noi dobbiamo azzerare le rette degli asili nido e i costi dei libri di testo per i redditi più bassi”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, nel corso della presentazione del “Piano per l’Italia” nella sede del partito a Roma. “In Italia – ha aggiunto il leader Dem – tra i giovani sta venendo fuori una sana ribellione contro la cultura dell’odio”.

Zingaretti: basta fake news

C’è spazio, ovviamente, anche per la politica nel discorso di Zingaretti di fronte alla stampa. “48 ore fa – ha spiegato – Facebook ha chiuso dozzine di pagine con 2,8 milioni di follower che hanno prodotto fake news. E molte erano legate alla Lega e al Movimento Cinque stelle (M5S). Non v’è alcun dubbio che abbiamo bisogno di investire maggiori risorse finanziarie nel web e di avere una presenza sulla rete che però non sia basata sulla rabbia, l’odio, fake news e insulti”.

Sul futuro dell’attuale esecutivo, il segretario Pd attacca a muso duro entrambi i partiti di governo. “Chi vota M5s alle prossime elezioni europee si fa garante della presenza di Salvini al ministero dell’Interno per i prossimi quattro anni”. Ha ribadito il segretario Zingaretti in conferenza stampa. “L’unica alternativa è la lista unitaria del Pd” chiosa il capo del Partito Democratico.

Anche Calenda sulla scuola

Di recente, anche Carlo Calenda – altro esponente Dem – si era espresso in merito al tema dell’istruzione. Proponendosi, perfino, come nuovo capo del Miur. “Mi piacerebbe fare il ministro dell’Istruzione, bisognerebbe dire ai genitori di non mettere troppo il naso nella scuola”. Così l’ideologo del manifesto “Siamo Europei” ai microfoni di Fabio Fazio in prima serata su Rai 1.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.