Vespa: “Non barattiamo la stabilizzazione promessa con ridicole percentuali. Per cosa esultano i leghisti?”

8  min di lettura

“Il 17 maggio #IoSciopero! C’è poco da replicare alle proposte che provengono dai parlamentari della VII commissione cultura di camera e senato lega e cinquestelle”. Così il professor Pasquale Vespa, presidente dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore Uil Scuola Precari. “Non alteriamo i termini della questione che erano stati alla base della campagna elettorale dei due partiti di maggioranza, non barattiamo la necessaria e doverosa stabilizzazione dei docenti precari con una inutile percentuale di riserva al prossimo concorso calderone!”

“Pacco, doppio pacco e contropaccotto”

“Prendiamo atto – continua il presidente Vespa –  che le parole del senatore Mario Pittoni, responsabile politico della Scuola per la Lega, non rappresentano la linea politica del suo partito. Ma a questo punto ci chiediamo a nome di chi abbia parlato in campagna elettorale. Il tutto si configura come il classico “pacco, doppio pacco e contropaccotto” del film cult di Nanni Loy. Solo che questo non è un film e non fa ridere nessuno delle 50mila famiglie che sono prossime ad essere esodate per volontà politica del Governo del Cambiamento e del Ministro Bussetti che si diletta con le battutine sulla data dello sciopero. Cosa hanno da ridere i parlamentari leghisti (in foto) su facebook?”.

“Allo stesso tempo stigmatizziamo il comportamento di forte ostilità dei parlamentari del M5s nei nostri confronti che dopo aver dato il meglio di loro nei video postati sui social network hanno confermato la loro azione volta a contrastare la stabilizzazione dei precari della scuola con oltre 3 anni di servizio. Come dimenticare, a titolo di esempio – dice Vespa -, la senatrice Granato che con le sue dichiarazioni attaccava i precari di terza fascia con frasi del tipo “Volete privilegi, mi vergogno per voi”?

Docenti di serie A e B

Queste dichiarazioni, come tutte le altre che hanno reso palese la strategia del M5s nel voler dividere ad arte la categoria dei docenti tra quelli di serie A e di serie B, non saranno dimenticate da nessuno di noi. Del resto il M5s non ha mai preso le distanze dalle dichiarazioni rilasciate dalla parlamentare grillina” si legge nella nota dell’Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori.

“A fronte di tale misera proposta che rinnega quanto promesso in campagna elettorale, confermiamo la necessità di scioperare il 17 maggio per difendere il diritto al lavoro dei precari dimenticati in Gae, degli idonei del 2016, dei docenti di ruolo “ingabbiati”, degli abilitati che attendono ancora di essere assunti e dei loro colleghi che aspettavano di seguire la stessa strada e non essere più discriminati: abilitazione e stabilizzazione come nel 2018. Intanto a settembre sarà caos con 200mila cattedre date a supplenza”.

“La politica divide, la piazza unisce. La battaglia è per tutti. Anche di chi non ha ancora i 3×180 giorni di servizio. Prima o poi altri colleghi avranno esperienza acquisita con il servizio prestato e allora dovranno essere abilitati e stabilizzati. Come si è sempre fatto. Altrimenti chiudessero subito la Terza Fascia e buttassero tutti fuori, ora, subito! Non ammettessero più nessuno in classe senza abilitazione! Non siamo lavoratori usa e getta. In piazza il 17 maggio diremo un forte NO alle discriminazioni e allo sfruttamento di Stato”, conclude la nota di AnDDL.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.