“Hai la pelle del colore della m…a”, insultato in aula chiede l’aiuto del prof ma si becca anche una nota

3  min di lettura

“Hai la pelle del colore della m…a, sei arrivato con i barconi, con un passaporto falso”. Sono queste le pesanti parole rivolte a scuola in pausa pranzo ad un ragazzino straniero. Ironia della sorte a beccarsi una nota è stata proprio la vittima delle offese.

I FATTI

Nella scuola Bronzetti di Trento il ragazzino straniero si è avvicinato al tavolo dove altri compagni stavano mangiando. Improvvisamente questi iniziano a insultarlo. “Hai la pelle del colore della m…” e altre insulti. Il ragazzino infastidito si è recato dal professore per raccontare l’accaduto, ma il docente gli ha solo detto: “Vai a sedere, buon pranzo”. Il giovane si arrabbia, dà in escandescenze e se la prende con il professore. Lascia la sala mensa e va dritto in presidenza.

La dirigente, riporta Il Dolomiti, parla con il professore per cercare di capire l’accaduto. Primo provvedimento una nota per il ragazzino insultato perché alzando la voce ha mancato di rispetto l’insegnante.

LA REAZIONE

Lo studente, un ragazzo di prima media, non digerisce la cosa chiede quale sia la sua colpa se non quella di essere al mondo. Altri studenti infuriati raccontano l’accaduto a casa. Dopo alcune verifiche tra genitori e studenti, la dirigente scolastica ha riconosciuto le ragioni dello studente e ha stabilito l’eliminazione della nota.

LA LETTERA DEI GENITORI

Alcuni genitori hanno comunque deciso di scrivere una lettera alla dirigente scolastica per chiedere che vengano fatte anche delle campagne di sensibilizzazione all’interno della scuola.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.