Graduatorie ATA sotto controllo, la circolare dell’USR alle scuole: “Setacciate titoli di studio e servizio dichiarati”

3  min di lettura

Graduatorie ATA al setaccio e controlli scrupolosi sui titoli di studio e di servizio dichiarati dagli aspiranti. E’ quanto chiede l’USR Marche che ha diramato alle scuole della regione una circolare apposita. Sotto osservazione i certificati rilasciati presso una determinata scuola della Campania.

Uno scandalo senza fine che, dopo aver coinvolto la Campania, la Toscana ed il Veneto, ora porta a correre ai ripari anche alla regione Marche.

Esploso in Campania, l’operazione di pulizia messa in atto dall’USR, sta facendo emergere nuovi casi anche in altre regioni. Come riporta Cronache Campania, sarebbero cinque i casi di diplomi falsi nel Salernitano inseriti negli elenchi di una scuola in Emilia Romagna e di altri due scoperti in una scuola di Ancona. Per un totale di 7 casi.

L’USR del Veneto, aveva indicato inoltre la presenza di due istituti fantasma, sprovvisti, cioè, del decreto di riconoscimento di scuola paritaria autorizzata a rilasciare diplomi di qualifica triennali validi per l’inserimento nelle graduatorie di istituto 2018-2021 del personale Ata. Infatti, i due “diplomifici” avrebbero accettato le dichiarazioni di centinaia di bidelli salernitani, che sostenevano di possedere un diploma di qualifica triennale col massimo dei voti. Si tratta dell’istituto De Sanctis e del  Vanvitelli di Castel San Giorgio.

I commenti sono chiusi.