“Sonetto di primavera”: la poesia di Umberto Saba da portare in classe per la bella stagione

1  min di lettura
primavera

Primavera, il Sonetto di Umberto Saba

“Città paesi e culmini lontani

sorridon lieti al sol di primavera.

Torna serena la natia riviera.

Sono pieni di canti il mare e i piani.

Io solo qui di desideri vani

t’esalto, mia inesperta anima altera;

poi stanco mi riduco in sulla sera

alla mia stanza, e incerto del domani.

Là seggo sovra il bianco letticciolo,

e ripenso a un’età già tramontata,

a un amor che mi strugge, all’avvenire.

E se nell’ombra odo la voce amata

di mia madre appressarsi e poi morire,

spesso col pianto vo addolcendo il duolo”.

 

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

 

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.