Senatrice Granato aggredita verbalmente da un sindacato di Ds

4  min di lettura

di Aldo Domenico Ficara

Il DDL di iniziativa della senatrice Bianca Laura Granato riguardante il ricorso amministrativo al direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, si fonda sulla concezione che essendo la figura del dirigente scolastico inquadrata proprio nell’ambito dell’amministrazione scolastica periferica non possa considerarsi lesivo delle sue attribuzioni la previsione di un ricorso amministrativo improprio al direttore generale dell’USR.

Il conferimento di tale potere, difatti, può ricondursi al generico potere di vigilanza sul rispetto delle norme generali in materia di istruzione che l’articolo 8 del decreto del PdC 11 febbraio 2014, n. 98, attribuisce all’amministrazione periferica su livello regionale.

Nel merito delle modalità di decisione del ricorso, si stabilisce dunque la conformità al parere di una commissione composta da tre dirigenti della funzione tecnico-ispettiva.

La commissione è istituita presso ogni Ufficio Scolastico Regionale. Il tempo complessivo di durata della procedura amministrativa di secondo grado è di venti giorni. L’interessato può presentare ricorso al direttore generale dell’USR entro cinque giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento. nell’albo della scuola o sul sito dell’istituzione scolastica di riferimento.

La decisione viene presa entro il termine dei successivi quindici giorni, su parere conforme dell’organo all’uopo costituito.

Letto il DDL della Senatrice Bianca Laura Granato un sindacato di Dirigenti scolastici scrive quanto si legge a questo link.

Parole come “ curare la sua ossessione “, “libido repressa “ o “preoccupati per la sua salute e equilibrio “ non appartengono al mondo della scuola. Invece deve operare nell’insegnamento della pacatezza e dell’educazione. RTS esprime tutta la sua solidarietà alla Senatrice Bianca Laura Granato, vittima di una aggressione verbale senza precedenti.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.