Autonomia regionale, Salvini: “A guadagnarci sarebbe soprattutto il Sud”

2  min di lettura

Sui provvedimenti per l’autonomia regionale “la strada maestra è la Costituzione, che noi stiamo applicando: non c’è un’idea della Lega, ma la Costituzione italiana che prevede che alcune Regioni possano chiedere fino a 23 competenze”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini ad Agorà su Rai 3. Sulle modalità di approvazione del provvedimento si procederà “come per un trattato internazionale. Il Parlamento ovviamente è sovrano – ha spiegato – e potrà aggiungere e dire tutto prima della stesura dell’accordo, che poi alla fine è ratificato o bocciato. C’è la proposta del governo su cui il Parlamento potrà dire la sua, poi si discuterà con le Regioni: prima si fa e meglio è”.

Autonomia regionale

“La storia del mondo dimostra che se i soldi sono spesi vicino ai cittadini si spende di meno e si ruba di meno. E a guadagnarci sarebbe soprattutto il Sud: ad oggi per farsi curare o per studiare al Nord si parte dalla Calabria e dalla Sicilia e avere politici più responsabili, che se sbagliano pagano, fa bene a tutti e soprattutto al Sud”, ha concluso il ministro.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.