“Sono un insegnante meridionale che si impegna con forza”. Lettera al ministro Bussetti

3  min di lettura

Gentile Ministro Bussetti,

sono un insegnante meridionale che si impegna con forza, con tutte le mie forze disponibili per ” mettere in cascina ” tutti gli obiettivi che annualmente mi prefiggo. Cerco di spostare l’asticella del successo didattico sempre più in alto, tentando di raggiungere il meglio per la mia comunità scolastica. Lavoro più di 10 ore al giorno, tutti i giorni ( a volte anche la Domenica ). Insegno, faccio ricerca sperimentale sulle dinamiche didattiche e innovazione tecnologica nella trasmissione del sapere.

Molti colleghi mi conoscono perché scrivo nelle maggiori testate giornalistiche nazionali del settore istruzione come La Tecnica della Scuola di Catania e Oggiscuola.it di Napoli. Molti altri seguono e leggono i miei saggi sulle riviste RIS della Maggioli Editore, La Ricerca della Loescher Editore, Nuova Secondaria della Editrice La Scuola, Scuola7 della Tecnodid, Dirigere la Scuola della Euroedizioni e ultima ma non ultima in quanto qualità espositiva Innovatio Educativa. Ma soprattutto molti seguono il mio impegno verso il mondo scolastico dalle pagine del blog Regolarità e Trasparenza nella Scuola.

Tutte le mie attività didattiche sono pubblicate a partire dal progetto ” le nanotecnologie ” che recentemente è stato citato dall’Università UNED di Madrid in una tesi di dottorato ( peccato non da una Università italiana del nord ). Mi vanto di non essere iscritto a nessun partito politico a nessun sindacato e a nessuna associazione. Come dice Lei raggiungo i miei obiettivi solo con il lavoro, con l’impegno e ancora con il lavoro: però sono meridionale.

Aldo Domenico Ficara

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.