Web

“Badantato”, “No-Vax”, “spoilerare”: ecco tutti i nuovi termini inseriti nello Zingarelli 2019

5  min di lettura

“Hater”, “No-vax”, “Antitutto”. Sono queste alcune delle parole di nuovo conio inserite nell’edizione 2019 dello Zingarelli, lo storico dizionario della lingua italiana edito da Zanichelli. Si tratta di termini che – come sottolinea un’analisi del Corsera – denotato un nuovo fenomeno distintivo della nostra cultura nazionale. Il fatto, cioè, di esser “contro” e in antitesi rispetto a qualcosa o qualcuno. Un dato così evidente da rendere necessarie parole improntate al concetto dell'”anti”.

Quello che emerge dal lessico aggiornato dello Zingarelli è un paese “scettico, malpancista, incline alla polemica su tutto”.

L’ “antitutto”, ad esempio, indica chi si oppone sistematicamente a ogni iniziativa o proposta.

Per “no-vax” o “antivaccinista”, si intende chi è contrario alla vaccinazione obbligatoria. Oppure, in certi casi, chi non ritiene necessari tutti i vaccini obbligatori per legge.

Il verbo “buare” indica l’atto di disapprovare un artista, un politico o chi per loro mediante ripetuti ‘buuuu’.

“Antibufale” è il termine che sta a indicare le misure che limitano e contrastano la diffusione di notizie false.

“Analfabetismo funzionale” è un concetto entrato a pieno titolo nel nuovo lessico. Si tratta della condizione di chi, pur non essendo analfabeta, non è in grado di comprendere o redigere un testo dotato di un minimo di complessità. Si tratta di un fenomeno che si verifica molto spesso quando si ha a che fare con testi, documenti e articoli che contraddicono l’idea preconcetta di chi legge.

E’ entrata nell’uso comune anche la parola “radicalizzato”, indicante chi ha assunto posizioni più radicali. Nella stragrande maggioranza dei casi  si parla in particolare di situazioni relative all’estremismo islamico.

Il concetto di “assistenza svolto da badanti” per anziani e persone con difficoltà psico-fisiche è stato sintetizzato con la parola “Badantato”.

Termini controversi

Per “Salottismo” si intende il fenomeno delle riunioni nei salotti mondani. La frequentazione di tali salotti (in un’accezione sarcastico/spregiativa). Sulla stessa china si inserisce la parola “vipparolo”, che identifica chi frequenta il mondo, l’ambiente dei vip.

Di grande successo tra i più giovani, è entrato di prepotenza nel lessico il verbo “spoilerare”, cioè anticipare alcuni particolari della trama di un film, di un romanzo, ecc. rovinando l’effetto sorpresa.

C’è spazio anche per lo sport nel nuovo Zingarelli, con neologismi tipo “Var”. Sigla di V(ideo) A(ssistant) R(eferee) – ovvero la tecnologia che consente all’arbitro di rivedere un’azione al replay, nel corso della partita.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.