Web

Dai banchi di scuola al cinema: chi sono gli attori del film “La paranza dei bambini”, da oggi nelle sale

5  min di lettura

Dopo un’attesa durata mesi – per non dire anni – arriva nelle sale l’attesissimo film “La paranza dei bambini”, diretto da Claudio Giovannesi e tratto dall’omonimo libro di Roberto Saviano. La pellicola racconta di come l’età media della manovalanza criminale si sia gradualmente abbassata, portando alla formazione di gruppi criminali composti quasi interamente da minorenni.

La genesi del film è stata lunga e travagliata, specialmente per la necessità di trovare giovani attori idonei ad interpretare i ruoli della sceneggiatura. In un viaggio “dietro le quinte” della produzione cinematografica, FanPage riporta i volti e le storie di alcuni degli attori in erba reclutati per il film.

I provini

Si parla di 4000 ragazzi – di età compresa tra i 14 e i 18 anni – provinati in tutta la Campania per trovare i 9 volti giusti per l’impresa cinematografica. La produzione, in particolare, ha mappato le zone citate nel libro, in modo che i protagonisti scelti restituissero “prossimità” ai fatti narrati da Saviano.

Due tra i prescelti sono stati trovati durante sessioni di scouting avvenute nelle scuole del napoletano.

La paranza dei bambini: la ricerca a scuola

Francesco, giovane pasticcere del Rione Traiano (Napoli) presta il volto al baby-camorrista Nicola. Alfredo, trovato durante una sessione di scouting a scuola, è uno studente dell’istituto alberghiero. Il suo provino ha stracciato la concorrenza grazie ad una esilarante imitazione di Nino D’Angelo.

Anche Viviana, che interpreterà il ruolo di Letizia, studia in un Istituto Turistico, ed è  qui che si è presentata ai casting per sostenere il provino, ottenendo la parte.

Pasquale è stato notato dalla produzione del film tra i corridoi della sua scuola a Scampia. Ha conseguito il diploma durante le riprese del film e oggi lavora in un ristorante del centro di Napoli.

Altri giovani membri del cast sono stati presi dalla strada. Alcuni vivevano la loro quotidianità senza la benché minima intenzione di darsi al cinema, ma sta di fatto che sul grande schermo ci saranno anche i loro volti.

 

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.