Web

“Il Collegio”. Torna in onda su Rai 2 il programma sulla scuola: novità e protagonisti della terza edizione

5  min di lettura

Torna sui teleschermi a partire da oggi 12 febbraio la trasmissione di Rai 2 ‘Il Collegio’, sull’onda dello straordinario successo di pubblico e critica delle prime due edizioni. Il programma, in ond alle 21.29 sul secondo canale Rai,  catapulta un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 17 anni nel 1968. In un ambiente scolastico molto differente rispetto ad oggi.

Collegio vs ’68

Non è casuale la scelta del ’68, un anno pieno di cambiamenti e innovazioni. In quel periodo, infatti, le piazze d’Italia e del mondo si riempivano di giovani in subbuglio che chiedevano una rivoluzione a tutto tondo della società nel suo complesso, e dell’istruzione tra i suoi elementi principali.

Il Collegio Convitto di Celana, sito a Caprino Bergamasco, rappresenta una specie di fortino di resistenza a queste spinte innovatrici, con un regolamento che mantiene lo stile comportamentale e disciplinare degli anni pre-1968. Anzi, di fronte all’ondata innovatrice dei moti sessantottini, il Convitto diventa ancora più severo e sottopone i nuovi allievi ad un test di ingresso: per ottenere la divisa, i candidati devono ottenere la sufficienza in un breve esame di Educazione Civica.

La domanda su cui si basa l’intera produzione della terza stagione ruota sul modo in cui risponderanno ad un modello educativo così datato le ragazze e i ragazzi del 2019.

Le novità

Il programma, realizzat0 in collaborazione con Magnolia (Banijay Group), sarà accompagnato dalla voce narrante di Giancarlo Magalli. Protagonisti saranno 18 studenti – 9 ragazze e 9 ragazzi – lontani da casa e, soprattutto, da smartphone e computer. Un’esperienza educativa di formazione e di relazioni molto diversa e lontana dalla loro realtà quotidiana.

Le precedenti edizioni erano ambientate nel 1960 e nel 1961.  La nuova stagione, invece, lancia i ragazzi e le ragazze del terzo millennio nella “scuola media unica” nata dalla riforma del 1962. Tanti i cambiamenti nel programma didattico: non c’è più il Latino, ma c’è l’Educazione Civica. Il Canto Corale è diventato Educazione Musicale ed è comparsa, per la prima volta, l’Educazione Artistica.

Riusciranno i ragazzi ad affrontare in modo costruttivo le sfide di un mondo tanto diverso rispetto a quello in cui sono abituati a vivere?

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi.