Web

Annullato evento ‘Giorno del Ricordo’ per i post razzisti di un prof. Sulla Kyenge aveva scritto: “scimmia berciante”

6  min di lettura

E’ possibile intervenire durante un evento per il “Giorno del ricordo” e scrivere post a sfondo razzista su Facebook? Evidentemente, il caso del prof Stefano Doroni lo dimostra, sembrerebbe proprio di sì. Il docente, insegnante in un istituto tecnico di Pisa, avrebbe dovuto introdurre l’iniziativa sul ‘Giorno del Ricordo’ organizzata dal comune del capoluogo toscano. Ma l’evento, incentrato sul tema delle Foibe e dell’esodo italiano dall’Istria e dai territori giuliano-dalmati, è saltato a causa delle esternazioni “poco eleganti” del docente sui social network.

A segnalare la cosa, i membri della lista civica “Diritti in comune”, secondo cui il prof avrebbe scritto frasi “incredibilmente violente e razziste, contenute nei post e nei commenti”. Si parla chiaramente di “istigazione all’odio e al razzismo che dovrebbe essere censurata da qualsiasi amministratore pubblico”.

I post

In riferimento all’ex ministro Kyenge, ad esempio, il docente avrebbe parlato di “scimmia berciante“. E ancora, a proposito dei rom sgomberati a Gallarate “Purtroppo non spuntano oggetti atti a fracassare i loro sudici crani e a lasciarli stesi al sole“. E su coloro che hanno accolto i migranti della Sea Watch “Si prendano almeno la scabbia e la attacchino a tutte le loro famiglie“.

Il prof Doroni, che sui social non nasconde le proprie simpatie per soggetti politici di destra come Fratelli D’Italia, si è pubblicamente scusato per le uscite incongrue sul suo profilo.

Le scuse

“Ho sbagliato – scrive il professore – le mie parole sul mio account Facebook, parole di un privato cittadino che si sfoga malamente, sono censurabili e non devono essere accettate: io per primo chiedo poterne fare ammenda“. Il docente precisa di non avere cambiato la sua opinione politica su quei temi ma prende “le distanze da quelle mie espressioni che sono e restano inaccettabili e che, prego chiunque di credere, in buona fede mi sento estranee e giudico improvvidamente usate in uno sfogo brutale a cui ha ceduto la mia emotività”.

Scuse o meno, l’evento è stato rinviato a data da destinarsi. Occorre sottolineare che il tema delle Foibe, per quanto basato su un fatto storico e reale, rappresenta un tema molto caro specialmente ad ambienti politici di destra. Realtà da cui non è difficile aspettarsi commenti come quelli del prof Stefano Doroni.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

 

 

I commenti sono chiusi.