Docenti soprannumerari, Tassella: “Cosa prevede il contratto sulla mobilità che non tutti i Ds rispettano”

6  min di lettura

Molti dirigenti scolastici fanno compilare la graduatoria di istituto per individuare i docenti soprannumerari  già nel mese di gennaio. Secondo una scadenza non prevista dal contratto sulla mobilità.

LA GRADUATORIA

La graduatoria deve essere invece compilata nei 15 giorni successivi al termine fissato per la presentazione della domanda di trasferimento. Quest’anno ancora non si conosce la data che sarà  unica per ogni ordine e grado di scuola come unica sarà la data di pubblicazione dei movimenti.
I titoli valutabili, ai sensi della tabella allegata al contratto, devono essere posseduti entro il termini di presentazione della domanda di mobilità. L’anno in corso non é valutabile.

I SOPRANNUMERARI

I docenti in soprannumero vanno individuati solo quando le scuole ricevono, approvato all’Usp, l’organico di diritto relativo al prossimo anno scolastico.
Notificata ai docenti il soprannumero , questi hanno 5 giorni di tempo dalla data di comunicazione del DS per presentare modalità di trasferimento condizionata o meno con modalità cartacea. Se avevano già  presentato domanda nei termini, la nuova domanda sostituisce la precedente e si riapre per loro anche la possibilità  di presentare la domanda di passaggi a di cattedra o di ruolo o una nuova domanda di passaggio se l’avevano già  presentata.

IL RUOLO DELL’USP

Si precisa che il DS pubblica all’albo della scuola non solo la graduatoria di istituto ma anche l’organico di diritto approvato dall’USP. Avverso la graduatoria di istituto,  é  possibile entro 5 giorni presentare al DS reclamo per errori materiali. Se il reclamo non viene accolto va ripresentato all’Usp allegato alla domanda.
Si precisa infine che sono da individuare in soprannumero solo i docenti che per contrazione di organico perdono la titolarità. E sono riammessi nei termini per presentare o ripresentare domanda di trasferimento. E non anche quelli che vedono trasformata in organico di diritto la loro cattedra da cattedra interna a cattedra oraria esterna. Cioè  con completamento in altra scuola dello stesso comune o di altro comune.

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI

Concludo che la formazione delle classi e del loro numero per il prossimo anno da cui discende la proposta di organico è  materia di confronto sindacale di istituto. Quindi i docenti che hanno richieste sulla formazione della proposta di organico di diritto per il prossimo anno scolastico si rivolgano alle RSU.

Libero Tassella

I commenti sono chiusi.