Nuova maturità. Iannicelli: “E’ un esame per ciucci, degno prodotto di una scuola di ciucci per ciucci”

2  min di lettura

“Esame di maturità. Doppia versione di Latino e Greco ma con testi più semplici. Che vergogna!”. Con queste parole si esprime, in un post su Facebook, il giornalista e conduttore campano Peppe Iannicelli a proposito delle novità introdotte nella prova di maturità.

“Io mi sono diplomato nel 1984 traducendo i classici all’impronta – prosegue Iannicelli – Era una scuola seria e severa. I miei professori conoscevano a memoria Odissea, Iliade, Divina Commedia. Altri tempi, altri uomini. Un esame deve esser severo altrimenti che razza di esame è?”

“Un esame semplice non è un vero esame – conclude – E’ un esame per “ciucci” degno prodotto di una scuola di ciucci per ciucci, incapaci di insegnare/imparare a tradurre un testo classico in cinque anni di studio. Spero che docenti esigenti e studenti seri ( sono la maggioranza) si ribellino a questo scempio”.

 

Leggi altre notizie su OggiScuola

Seguici su Facebook e Twitter

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.