Vuole la 1, la 2 o la 3? La novità delle buste al colloquio della Maturità 2019. IL DECRETO

1  min di lettura

L’esame di Maturità 2019 riserva novità non solo per le prove scritte ma anche per il colloquio orale. Dopo l’eliminazione della tesina, gli studenti potranno scegliere tra tre buste gli spunti da cui partirà il colloquio orale. Ciò permetterà di garantire la massima trasparenza e pari opportunità’ a tutti i candidati.

I materiali saranno preparati dalle commissioni esaminatrici sulla base di un documento che ciascun consiglio di classe consegnerà il 15 maggio prossimo. In questo modo la commissione potrà’ tenere conto del percorso didattico effettivamente svolto.

Durante l’orale i candidati dedicheranno del tempo ad esporre le esperienze di alternanza scuola-lavoro svolte e le attività’ fatte nell’ambito di “Cittadinanza e costituzione”, sempre tenendo conto delle indicazioni fornite dal consiglio di classe sui percorsi effettivamente svolti.

IL DECRETO

BUSSETTI ANNUNCIA LE NOVITÀ’ DELLA MATURITÀ’ 2019

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.