Beffa degli aumenti, stipendio più basso per i prof: la brutta sorpresa nel cedolino di gennaio

4  min di lettura

Il post feste di Natale è sempre drammatico dal punto di vista economico: cene, regali, spese e molto altro hanno messo a dura prova le tasche dei prof. Poteva esserci una buona notizia. Grazie alla mancata presenza di aliquote fiscali comunali e regionali (che invece sono detratte fino a dicembre), lo stipendio poteva essere più alto. Tali detrazioni saranno nuovamente conteggiate e detratte a partire dalla mensilità di marzo.

Altra ragione per cui l’importo avrebbe dovuto essere più alto è l’elemento perequativo finanziato con la nuova Legge di Stabilità, ma visualizzando il cedolino, manca. Qui la beffa.

STIPENDIO PIU’ BASSO, LA BEFFA

L’elemento, individuato fino al dicembre dello scorso anno, altro non è che la somma stanziata dal Governo Gentiloni fino al 31/12 e che quello Conte ha rifinanziato.

L’importo di circa 15/20 euro però, manca nel cedolino di Gennaio poiché era previsto dalla Legge di Bilancio approvata il 30 dicembre scorso. La somma ora mancante sarà quindi aggiunta allo stipendio di febbraio.

SPID, novità in arrivo per chi utilizza NoiPA: ecco cosa cambia per gli insegnanti

A breve sarà disponibile un nuovo servizio che consentirà agli amministrati che hanno già un’utenza sul portale NoiPA di ottenere un’identità SPID direttamente dall’area privata del portale.

L’identità infatti consente di avere un accesso unico ai servizi on line delle Pubbliche Amministrazioni, in modalità sicura e protetta.

Vuoi saperne di più? Collegati alla pagina Facebook di NoiPA per scoprire, nei prossimi giorni, tutte le novità del nuovo servizio.

Altre notizie su OggiScuola

QUI LA PAGINA FACEBOOK

I commenti sono chiusi.