Alle commissioni per i concorsi docenti e dirigenti scolastici compensi da miseria: rischio di corruzione

4  min di lettura

Alle commissioni per i concorsi docenti e dirigenti scolastici compensi da miseria: rischio di corruzione

di Libero Tassella, insegnante

Sappiamo che non si riescono a formare le commissioni dei concorsi riservati per i docenti dell’infanzia e primaria in molte regioni e in particolare in Lombardia, la regione con il più alto numero di partecipanti.

Il Miur non può pensare di pagare i commissari meno di chi raccoglie d’estate i pomodori nelle campagne pugliesi. É una vergogna. Un euro al lordo per correggere un elaborato per i concorsi a Dirigente scolastico ora in corso. Il 7 é iniziata la correzione degli scritti.
Una vergogna tutta italiana che nessuno denuncia.

I sindacati della scuola si dovrebbero mobilitare e stabilire, per questo delicato compito, nel. contratto nazionale un compenso dignitoso o l’esonero dal servizio come accadeva anni fa. invece si limitano a qualche comunicato stampa in cui sollevano il problema in occasione dei concorsi. Anzi a volte i sindacati cercano di trovare per conto dell’amministrazione i commissari tra i loro iscritti.

I commissari con questi miserrimi compensi sono. così esposti a processi corruttivi e al fenomeno delle raccomandazioni che inquina ogni concorso. Se questo non accade diffusamente è per l’alto senso etico dei docenti coinvolti.

Proprio così facevano i Borboni sotto il regno di Ferdinando II , sottopagavano gli impiegati comunali, perché questi poi erano pagati con il “sottomano” da coloro che per necessità ricorrevano ai loro uffici.

Una vergogna.

Altre notizie su OggiScuola

QUI LA PAGINA FACEBOOK

I commenti sono chiusi.