I “compiti” del Ministro Bussetti per sensibilizzare i docenti

7  min di lettura
parodi

I “compiti” del Ministro Bussetti per sensibilizzare i docenti

Sconcertante che debba intervenire il Ministro dell’istruzione allo scopo di “sensibilizzare” i docenti, evidentemente “insensibili”, rispetto al problema dei compiti per le vacanze. Con toni, peraltro, sin troppo felpati, esortando semplicemente a “diminuirli”.

Un “segnale”, dice il ministro, interessante, sì, ma non inedito. Altri ministri, che lo hanno preceduto (Fioroni, Profumo, Carozza, Giannini) si erano espressi negli stessi termini. Inutile dirlo, del tutto inascoltati.

L’auspicata circolare, che sarà diffusamente ignorata oppure osteggiata da docenti, rappresenta una timida risposta alle numerose istanze sottoposte negli anni al Parlamento, al MIUR e ai Garanti (a nome degli oltre 30 mila firmatari della petizione: “Basta compiti!”) per denunciare l’assurdità dei compiti per le vacanze. Un ossimoro logico ancor prima che pedagogico, per giunta lesivo di diritti essenziali.

I compiti per le vacanze contraddicono i più elementari principi pedagogici e precludono il “diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età…”. Riconosciuto al bambino e al ragazzo dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ratificata dallo Stato italiano il 27 maggio 1991, con legge n.176. Se il MIUR stabilisce per gli studenti (non per i docenti), periodi obbligatori di vacanza, cioè di riposo, ricreazione, svago, questi devono essere rispettati.

L’assegnazione dei compiti impedisce il godimento della vacanza perciò si deve ritenere illegittima.

Il concetto deve essere chiaro. Non si tratta solo di auspici peraltro pedagogicamente commendevoli, ma dei diritti sanciti dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Non devono essere limitati o vanificati, e che possono essere invocati nel caso il cui azioni, comportamenti pratiche individuali, sociali o istituzionali ne affievoliscano o pregiudichino il godimento. Se i compiti a casa impediscono agli studenti di riposare, giocare, ricrearsi, avere tempo libero da dedicare ad “altre” attività, ebbene si configura non solo la patente e riprovevole ignoranza di elementari principi di igiene mentale e fisica (sintomo di una spaventosa mancanza di umana sensibilità). Ma anche un abuso gravissimo, meritevole di segnalazione agli organi collegiali, ai responsabili del servizio scolastico, ai garanti dei diritti di bambini e adolescenti…

Ma i docenti italiani reputano “irricevibile” persino la blanda esortazione del nuovo Ministro: già si sono levate proteste vibranti per ragioni di forma e di sostanza.

– Le scelte didattiche, si dice, non possono essere disciplinate dal Ministero, con provvedimenti che limitino la libertà di insegnamento (peraltro malintesa). Un eccesso di legittima difesa del tutto ingiustificato, giacché si tratta solo di un invito, assai prudente, senza alcun intento prescrittivo. Una reazione smodata che comunque denota la propensione dei docenti a ritenersi titolari di una discrezionalità indiscriminata, dimenticando che la loro “libertà” non può sopraffare la libertà degli studenti e delle famiglie, non può ledere i diritti fondamentali testé richiamati.

– Le vacanze, a detta degli irriducibili, durano troppo, anche se, stranamente, nessuno ne propone la riduzione o l’abolizione. Forse perché i docenti ne sono gli unici beneficiari – beffardo paradosso: i soli a profittare delle vacanze degli studenti sono gli insegnanti, ben oltre il periodo di ferie cui hanno diritto, cioè coloro che ne impediscono il godimento agli studenti, a chi ne ha diritto.

Meglio, allora, che bambini e ragazzi vadano a scuola a svolgere le normali attività didattiche con i rispettivi insegnanti, sperando che possano essere liberi (liberati) nel periodo di ferie dei docenti, che possano dedicare la domenica al “riposo e allo svago” (cui nemmeno dio ha voluto rinunciare), che possano almeno “santificare le feste”.

Maurizio Parodi

Dirigente scolastico – autore di: Così impari. Per una scuola senza compiti, Castelvecchi, 2018

LEGGI ANCHE
I commenti sono chiusi.