Censis: l’Italia è in preda al ‘sovranismo psichico’. Italiani sfiduciati, ignoranti e incattiviti

17  min di lettura
censis

Censis: l’Italia è in preda al ‘sovranismo psichico’. Italiani sfiduciati, ignoranti e incattiviti

Un paese sfiduciato, ignorante, incattivito ma con importanti trasformazioni in corso. E’ questo il ritratto dell’Italia di oggi che emerge dal 52esimo Rapporto annuale del Censis.

Mapifin

Nell’Italia del 2018 “la ripartenza non c’è stata” ma ciò nonostante la nostra società “in realtà, per quanto frammentata, poco incline a spingere in avanti il Paese nella sua interezza, ha trovato in sé l’energia sufficiente per adattarsi ai tempi e alle regole del progresso economico. Ha creduto anche all’ultimo residuo di quella cultura progettuale e riformista che pure tanti danni ha fatto nella storia del nostro Paese ma che garantisce almeno linee d’intersezione attorno alle quali aggregare energie positive, sia economiche che sociali”.

Dinamiche e processi

Il Rapporto Censis segnala come “nel sottofondo delle dinamiche collettive” si vede una “efficacia dei processi in atto”. Il ché “conferma l’antica verità che solo le risoluzioni delle crisi inducono uno sviluppo”.

Quella descritta nel ‘Rapporto 2018 sulla situazione sociale del Paese’ è una Italia – spiega il Censis – alle prese con “un rabbuiarsi dell’orizzonte di ottimismo”. Nella quale si accentuano “lo squilibrio dei processi d’inclusione dovuto alla contraddittoria gestione dei flussi d’immigrazione”.

Parola chiave: insicurezza

L’insicurezza sembrerebbe la parola chiave per descrive la nostra società, dove l’assistenza viene “interamente scaricata sulle famiglie e sul volontariato”. Dove le istituzioni formative sono alle prese con “un vistoso calo di reputazione”, dove si accentua “il cedimento rovinoso della macchina burocratica pubblica e della digitalizzazione dell’azione amministrativa”.

In questo scenario, insomma, secondo il Censis “verrebbe da pensare che tutto arretra”. Con gli italiani “incapsulati in un Paese pieno di rancore e incerto nel programmare il futuro”. E invece ci sono “lente e silenziose trasformazioni, movimenti obliqui” che “preparano il terreno di un nuovo modello di perseguimento del benessere e della qualità della vita”.

Trasformazioni positive

L’Italia registra, ad esempio, “il consolidarsi di una positiva bilancia commerciale della tecnologia, il primato nell’economia circolare, l’affermarsi dei tanti soggetti dell’economia esplorativa, il prepotente e drammatico ritorno di attenzione sull’economia della manutenzione”.

A livello intermedio “si rinnova anche il ruolo della rappresentanza” anche se”ciascuno afferma un proprio paniere di diritti e perde senso qualsiasi mobilitazione sociale”. Il vero nodo è che in questo sistema sociale, “attraversato da tensione, paura, rancore” si “guarda al sovrano autoritario“. Mentre “il popolo si ricostituisce nell’idea di una nazione sovrana supponendo, con un’interpretazione arbitraria ed emozionale, che le cause dell’ingiustizia e della diseguaglianza sono tutte contenute nella non-sovranità nazionale“.

Punto per punto

LA CLASSE DIRIGENTE

Il Censis punta il dito contro la “politica dell’annuncio” quando a quest’ultimo manca “la dimensione tecnico-economica necessaria a dare seguito al proprio progetto”. Ma se “ignorare il cambiamento sociale è stato l’errore più grave della nostra classe dirigente del trascorso decennio, l’errore attuale rischia di essere quello di dimenticare che lo sviluppo italiano continua ad essere diffuso, diseguale”.

Di qui, l’invito a “un dibattito serio sull’orientamento del nostro sviluppo e sulla capacità politica di definirne i nuovi traguardi”. Perché all’Italia di oggi, dice il Censis, “basterebbe una responsabilità politica che non abbia paura della complessità, ma si misuri con la sfida complessa di governare un complesso ecosistema di attori e processi”.

LA RABBIA

Inoltre, soltanto un italiano su cinque ha un atteggiamento positivo sul momento che vive; per il resto, prevalgono rabbia, disorientamento, pessimismo. Su 100 italiani, riferisce l’indagine del Censis, 30 si dicono “arrabbiati perché troppe cose non vanno bene e nessuno fa niente per cambiarle”; 28 “disorientati” in quanto ammettono di “non capire cosa stia accadendo”; 21 vedono “negativo: le cose andranno sempre peggio”. E soltanto altri 21 guardano invece alla realtà con uno stato d’animo “positivo” in quanto “viviamo un’epoca di grandi cambiamenti” e riferiscono di “avere fiducia nel futuro”.

LA POLITICA

Per metà degli italiani i politici sono tutti uguali e per oltre la metà, in Italia niente cambia: è il ‘sentimento politico’ rilevato dal Censis. A esprimere quella che un tempo si sarebbe definita come una considerazione ‘qualunquista’ – ovvero che “i politici sono tutti uguali” – è il 49,5% degli italiani e la percentuale supera la metà di loro nel caso di persone con reddito basso (54,8%), donne (52,9%), giovani tra i 18 e i 34 anni (52,5%), chi ha un basso titolo di studio (52,2%) e i meridionali (50,6%).

IL RANCORE

“Dopo il rancore, la cattiveria” titola il Censis il capitolo del suo Rapporto annuale dedicato alle radice del ‘sovranismo psichico’, sottolineando che “gli italiani sono diventati nel quotidiano intolleranti fino alla cattiveria” e quindi “la politica e le sue retoriche rincorrono, riflettono o semplicemente provano a compiacere un sovranismo che si è installato nella testa e nei comportamenti degli italiani“, che dimostrano una “consapevolezza lucida e disincantata che le cose non vanno e più ancora che non cambieranno”.

Per uscire da questa situazione, “gli italiani sono ormai pronti a un funambolico camminare sul ciglio di un fossato che mai prima d’ora si era visto“, Allora mostrano una “disponibilità pressoché incondizionata: non importa se il salto è molto rischioso e dall’esito incerto, non importa se l’altrove è un territorio indefinito e inesplorato, non importa se per arrivarci si rende necessario forzare, fino a romperli, gli schemi canonici politico-istituzionali e di gestione delle finanze pubbliche”.

L’EUROPA

Dei 28 Paesi dell’Unione europea, l’Italia è quello meno convinto che l’appartenenza all’Ue abbia portato benefici. Un dato inferiore anche a quello della Gran Bretagna prossimo alla Brexit. Soltanto il 42% degli italiani ritiene che far parte dell’Unione europea sia “una buona cosa”. Rispetto alla media del 62% degli altri membri. Per un’importante fetta di italiani – il 37% – far parte dell’Unione europea “è una cosa né buona né cattiva” (25% media Ue). Mentre per il 18% “non è una buona cosa” (11% media Ue). Il 3% non sa (2% media europea).

L’ISTRUZIONE

L’Italia investe in istruzione e formazione il 3,9% del Pil, contro una media europea del 4,7%. Investono meno di noi solo Slovacchia (3,8%), Romania (3,7%), Bulgaria (3,4%) e Irlanda (3,3%). Tra il 2014 e il 2017 i laureati italiani di 30-34 anni sono passati dal 23,9% al 26,9%, ma nello stesso periodo la media Ue è salita dal 37,9% al 39,9%: ben 13 punti percentuali in più.

Gli abbandoni precoci dei percorsi di istruzione nel 2017 riguardano il 14% dei giovani 18-24enni, contro una media Ue del 10,6%. A parità di potere d’acquisto, la spesa per allievo risulta inferiore alla media europea di 230 dollari nella scuola primaria, di 917 dollari nella secondaria di I grado, di 1.261 dollari nella scuola secondaria di II grado.

Il divario più ampio è relativo all’educazione terziaria: in Italia si spendono 11.257 dollari per studente (7.352 dollari se si escludono le spese per ricerca e sviluppo), mentre la media europea è pari a 15.998 dollari (11.132 dollari senza la R&S), con una differenza dunque di ben 4.741 dollari (il 42% in più).

L’APERTURA DEI GIOVANI AL MONDO

Degno di nota, a proposito della posizione degli italiani verso l’Europa e l’Unione, il fatto che ci sia grande consenso tra le nuove generazioni europee, e tra i giovani italiani in particolare, verso ogni tipo di esperienza che abbia la transnazionalità a fattore comune.

Gli scambi interculturali tra scuole e università dell’Ue sono considerati molto importanti dal 69% dei giovani italiani, a fronte del 53% degli europei. E’ il quadro che emerge dal 52° Rapporto del Censis sulla Situazione Sociale del Paese, diffuso oggi.

La creazione di lauree erogate da reti di università europee, con la possibilità di studiare in diversi Paesi, è giudicata molto importante dal 67% degli italiani (valore medio europeo: 54%). Nel 2016 35,5 studenti europei su 1.000 erano iscritti in un Paese Ue diverso da quello di origine (nel 2013 erano 33,2 su 1.000).

In Italia nel 2013 erano 1,8 ogni 1.000 e 2,4 nel 2016, con uno scarto superiore rispetto a Francia (da 2,4 a 2,8 ogni 1.000 studenti), Spagna (da 1,2 a 1,4) e Regno Unito (da 0,5 a 0,8). Il Paese europeo più scelto dagli italiani è l’Austria (23,1 studenti su 1.000), seguita da Regno Unito (4,6), Francia (3,0), Spagna (2,9) e Germania (2,2).

In Italia i corsi a carattere internazionale nell’anno accademico 2017-2018 sono 862, di cui 341 totalmente e 161 parzialmente in inglese. Rispetto a due anni prima, i corsi erogati in lingua italiana sono diminuiti del 2,1%, quelli completamente (+37,5%) o parzialmente (+147,7%) in inglese son molto cresciuti. Sono ingegneria-architettura e il gruppo economico-statistico le due aree disciplinari che accolgono le quote più alte di corsi a carattere internazionale, rispettivamente con il 34,4% e il 31,8% del totale.

Leggi altre notizie su OggiScuola

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.