NoiPa, arrivano gli arretrati per il personale della scuola: ecco la data di esigibilità

6  min di lettura

NoiPa, arrivano gli arretrati per il personale della scuola: ecco la data di esigibilità

Con un comunicato pubblicato su NoiPa, l’istituto ha informato circa gli arretrati derivanti dagli incrementi stipendiali per il personale. Si tratta dei docenti titolari di supplenze brevi e saltuarie.

 L’elaborazione effettuata riguarda degli arretrati stipendiali spettanti al personale titolare di supplenze brevi e saltuarie nel periodo di vigenza del CCNL 2016-2018 Istruzione e Ricerca, sottoscritto in data 19 aprile u.s.

L’elaborazione ha riguardato oltre 200.000 dipendenti per un totale di circa 1.635.000 contratti.

Le somme di arretrato saranno liquidate con apposito cedolino, con data di esigibilità 3 dicembre 2018.

Tredicesima, in arrivo buone notizie per i docenti. NoiPA: “Verrà pagata in anticipo, ecco le date”

Tredicesima in arrivo tra meno di un mese per i dipendenti pubblici. Per gli statali viene pagata in concomitanza con il cedolino NoiPA di dicembre che con l’occasione arriva con leggero anticipo.

Il decreto legge 350/2001 che indica le date di pagamento dello stipendio dei dipendenti nel pubblico impiego, infatti, stabilisce che solitamente la retribuzione è corrisposta il 23esimo giorno del mese. Mentre per le insegnanti delle scuole materne ed elementari arriva con un giorno di anticipo. Questa regola però vale solamente per undici mensilità dell’anno. A eccezione del mese di dicembre quando sia lo stipendio che la tredicesima arrivano il 14esimo (per gli insegnanti delle materne e delle elementari) il 15esimo (per il personale amministrato dalle direzioni provinciali del Tesoro con ruoli di spesa fissa) e il 16esimo giorno (per il personale docente supplente e il restante personale statale) del mese.

Nel 2018, però, la tredicesima sarà pagata a tutti i dipendenti pubblici il 14 dicembre, un venerdì, visto che il 15esimo e il 16esimo cadono di sabato e di domenica. Il suddetto decreto legge, infatti, stabilisce che qualora il giorno di paga coincida con un festivo o comunque con un giorno non lavorativo. Il pagamento debba essere anticipato al primo giorno utile precedente. Per i pensionati, invece, questa sarà pagata tra l’1 (per chi ha l’accredito alla Posta) e il 3 dicembre (per chi ha l’accredito alla banca).
Per i lavoratori subordinati del settore privato, infine, bisogna fare riferimento ai singoli contratti collettivi di riferimento. Nei quali si legge che la gratifica natalizia deve essere corrisposta in occasione delle festività di Natale e non oltre il 24 dicembre.

Leggi altre notizie su OggiScuola e attiva le notifiche per restare sempre aggiornato.

Qui la pagina Facebook

I commenti sono chiusi.