Regali di Natale agli insegnanti, occhio alla normativa dell’Anticorruzione: così si rischia il licenziamento

5  min di lettura

Regali di Natale agli insegnanti, occhio alla normativa dell’Anticorruzione: così si rischia il licenziamento

Incredibile, ma vero tra poco arriverà anche il Natale. Come spesso accade, genitori e alunni si organizzano per fare un regalo agli insegnanti. Che si tratti di un regalo di classe o di uno personale da parte di un alunno in particolare, c’è una precisa normativa che stabilisce cosa devono fare i docenti nel momento in cui si trovano di fronte a questa situazione.

La normativa ANAC

L’ANAC, l’Ente Nazionale Anticorruzione, ha stabilito che l’insegnante non chiede, né sollecita, per sé o per altri, regali o altre utilità. Salvo quelli d’uso di modico valore effettuati occasionalmente nell’ambito delle normali relazioni di cortesia e nell’ambito delle consuetudini internazionali.

Mapifin

In ogni caso, indipendentemente dalla circostanza che il fatto costituisca reato, il dipendente non chiede, per sè o per altri, regali o altre utilità, neanche di modico valore. O per aver compiuto un atto del proprio ufficio da soggetti che possano trarre benefici da decisioni o attività inerenti all’ufficio. Né da soggetti nei cui confronti è o sta per essere chiamato a svolgere o a esercitare attività o potestà proprie dell’ufficio ricoperto.

Banner

Questo significa che, il docente potrebbe accettare un regalo, ma che deve attestarsi sotto una certa somma.

Il dipendente, prosegue l’ANAC all’articolo 3, non offre, direttamente o indirettamente, regali o altre utilità a un proprio sovraordinato, salvo quelli d’uso di modico valore.

I regali e le altre utilità comunque ricevuti fuori dai casi consentiti dal presente articolo, a cura dello stesso dipendente cui siano pervenuti, sono immediatamente messi a disposizione dell’Amministrazione per la restituzione o per essere devoluti a fini istituzionali. Ai fini del presente articolo (4, ndr), per regali o altre utilità di modico valore si intendono:

quelle di valore non superiore, in via orientativa, a 150 euro, anche sotto forma di sconto.

I codici di comportamento adottati dalle singole amministrazioni possono prevedere limiti inferiori. Anche fino all’esclusione della possibilità di riceverli, in relazione alle caratteristiche dell’ente e alla tipologia delle mansioni.

Quali sono le sanzioni?

Se il docente richiede o accetta un regalo superiore al valore di 150 euro può incorrere in una multa o sanzione pecuniaria o alla sospensione dal servizio. Uguale pena se il Dirigente ha omesso vigilanza sul caso. Se il docente riceve doni a titolo di corrispettivo per attività dovuta rischia una sospensione dal servizio da 3 a 6 anni, fino al licenziamento.

LEGGI ANCHE

Festa di fine anno a scuola: è vietato mangiare in classe torte portate da casa. Ecco la normativa

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.