Manovra, bomba sulla scuola: dal 31 dicembre non ci saranno coperture per gli aumenti. E’ caos

4  min di lettura

Manovra, bomba sulla scuola: dal 31 dicembre non ci saranno coperture per gli aumenti. E’ caos

Si conferma a rischio l’aumento del 3,48%, di aumento a regime assegnato a circa un milione e 300 mila docenti e Ata della scuola pubblica attraverso il CCNL firmato lo scorso aprile.

Mapifin

Dal prossimo 31 dicembre, una parte non indifferente dei micro-aumenti accordati, pari ad 85 euro lordi medi complessivi a lavoratore, saranno infatti privi di copertura.

Ad essere in dubbio è l’elemento perequativo previsto dall’articolo 37 del CCNL vigente. non avendo adeguata copertura (servono circa 300 milioni di euro) sottrarrà circa 20 euro medi a dipendente, vanificando in questo modo un quarto dell’incremento stipendiale arrivato dopo un decennio di blocco stipendiale.

Molti più soldi servirebbero poi per l’indennità di vacanza contrattuale, il “paracadute” da assegnare per legge per andare a coprire la metà del 14% di inflazione accumulata negli anni più il 50% dell’l’1,4% del tasso IPCA previsto per il 2019 dall’attuale governo, per un totale del 7,7%. Questo perché la “voce” è stata sì inglobata dal mese di marzo 2018 nello stipendio di docenti e Ata, ai sensi dell’art. 35 dello stesso contratto collettivo nazionale, ma non certo adeguata al tasso del costo della vita aggiornato.

In questo caso, si tratta di mettere sul piatto, tenendo conto uno stipendio medio di 30 mila euro, oltre mille euro a dipendente: quindi, il governo dovrebbe prevedere tre miliardi di euro.

Le parole di Marcello Pacifico

“Ma sinora ad oggi, stando al Documento di economia e finanza presentato alle Camere, le risorse pubbliche previste dalla legge di bilancio di fine anno – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – non prevedono l’indennità prevista dalla legge per la tutela della dignità professionale e remunerativa del dipendente”.

“C’è poi anche da recuperare – ha aggiunto -la metà del tasso dell’indice dei prezzi al consumo armonizzato per i paesi dell’Unione Europea a partire dal settembre 2015, che ai lavoratori è stata sottratta: stiamo parlando di oltre 28 mensilità, per complessive 4.500 euro a lavoratore che devono essere recuperate necessariamente attraverso il giudice”.

comunicato stampa Anief

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.