L’Italia nella morsa del caldo: l’anticiclone Gigante pronto a colpire il Bel Paese

3  min di lettura

Gli ultimi aggiornamenti dei principali modelli meteo stanno confermando il ritorno dell’anticiclone di origine afro-mediterranea per il fine settimana in arrivo, di conseguenza ci aspettiamo giornate in prevalenza soleggiate con le temperature che torneranno a salire fin verso in 30°C al Centro Sud.

Ma attenzione, anche la prossima settimana si aprirà all’insegna del tempo stabile, grazie ad un vasto campo di alta pressione che continuerà a stazionare su buona parte del Paese. Almeno fino a mercoledì 19 le uniche precipitazioni saranno relegate quasi esclusivamente alle zone montuose, specie ai rilievi appenninici tra Marche e Abruzzo.

Mapifin

Un primo cambiamento è previsto da Giovedì 20, quando correnti più instabili nord-atlantiche saranno responsabili della formazione di un vortice ciclonico sul basso Tirreno. Ragion per cui ci aspettiamo rovesci a tratti anche intensi a carattere temporalesco su Sardegna e Sicilia. In serata le piogge bagneranno anche Lazio Campania. Al momento si tratta di una rapido peggioramento, con il sole pronto a tornare a splendere quasi ovunque già da Venerdì 21 e molto probabilmente anche per tutto il successivo fine settimana.

Banner

Dando uno sguardo alle temperature, va detto che proseguirà questo periodo piuttosto anomalo di caldo con valori termici ben superiori alle medie di riferimento e sarà così per tutta la prossima settimana. Su diverse zone del Centro-Sud localmente si supereranno ancora agevolmente i 30°C, specie sui settori tirrenici e sulla Puglia.
Solamente sulle due Isole Maggiori si avvertirà un brusco calo, proprio in concomitanza del passaggio del fronte temporalesco che, come abbiamo visto, transiterà piuttosto velocemente.

Qualche novità più corposa è attesa solo terza decade di Settembre, a partire quindi da Lunedì 24, quando perturbazioni più organizzate sono pronte ad investire anche il nostro Paese.
Data la lontananza temporale si tratta solo di indicazioni di massima e suscettibili di variazioni anche importanti. Vi invitiamo quindi a rimanere aggiornati.

fonte meteo.it

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.