Home Didattica Scuola primaria, arriva l’aula relax: due ore a settimana per ogni bimbo

Scuola primaria, arriva l’aula relax: due ore a settimana per ogni bimbo

3 min read
0
Aula relax

Un’area relax, come quelle che piacciono tanto ai grandi quando sono oberati dal lavoro e dallo stress. Questo è il desiderio espresso dai bimbi del progetto “Fuoriclasse”, coordinato dalla maestra Pina Spataro della scuola primaria Cena di Torino. “Abbiamo chiesto loro cosa sarebbe stato necessario – spiega la maestra – ci hanno segnalato l’esigenza di avere un luogo non tanto per giocare, quanto piuttosto per rilassarsi e stare tranquilli”.

Banner

La domanda della maestra Pina ai suoi allievi si inserisce nel contesto di una campagna promossa da Save the Children,  finalizzata a coinvolgere il più possibile i bambini – e a combattere la dispersione scolastica – cercando di capire di cosa hanno bisogno per vivere al meglio l’esperienza scolastica.

Mapifin

“Crediamo che in questo modo gli alunni si sentano protagonisti e dunque che si affezionino molto di più al mondo della scuola” spiega Paola Pellegrino, coordinatrice dei progetti Save the children nell’area torinese, sentita da La Repubblica.

A proposito di protagonisti, è interessante sottolineare che la richiesta dell’aula relax è arrivata tramite una rappresentanza degli studenti, eletta proprio dai bambini della primaria.

Ebbene, nell’istituto un’area preesistente è stata adibita ad aula relax per soddisfare i bisogni dei piccoli discenti. Una mano di pittura, un tappeto e mobili nuovi forniti dai genitori per una cifra simbolica, ed ecco qua: un’area relax dedicata ai piccoli. Ma cosa ne faranno?

aula relax
La nuova aula relax della scuola Cena di Torino (ph credits: La Repubblica)

“Ci hanno chiesto anche di poter ascoltare la musica e l’hanno scelta loro. Hanno voluto brani di musica classica e d’atmosfera”, spiega ancora la maestra Pina a La Repubblica. Secondo le direttive del progetto l’aula verrà utilizzata da tutti gli alunni, a turno, per due ore a settimana.

 “Leggono, ascoltano la musica, qualcuno si addormenta pure  – continua la maestra – Lo scorso anno i bambini delle materne che venivano a vedere la scuola rimanevano molto colpiti da quest’aula. E infatti l’effetto sulle iscrizioni è stato molto positivo”, conclude la docente, sottolineando quanto l’aula relax non sia solo utile per gli attuali discenti, ma anche per quelli che verranno.

Comments are closed.