Maltrattamenti all’infanzia, l’esperto: “Lasciano segni che modificano l’organismo”. I sintomi

3  min di lettura

“È cambiato il concetto delle forme di maltrattamento, prima bisognava dividere a scopo didattico il maltrattamento fisico e l’abuso sessuale. Oggi non si parla piu’ di maltrattamento singolo, ma di eventi avversi vissuti nell’infanzia (Adverse Childhood Experiences – ACE), che lasciano segni che non sono solamente ‘problematiche di natura psicologica’”. Lo dice Pietro Ferrara, professore dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore e dell’Universita’ Campus Biomedico di Roma, nonche’ referente nazionale della Societa’ italiana di pediatria (Sip) sul tema abusi e maltrattamenti, intervenuto al via della campagna ‘Abbattiamo il muro del silenzio’ di Save the Children.

Banner

“La ripetitivita’ delle violenze provoca dal punto di vista biochimico delle alterazioni che poi causano segnali e modifiche organiche: si riducono alcune parti del cervello e se ne attivano altre”. Per questo motivo va “attenzionato il cambio del comportamento, che dipende anche da modifiche anatomiche”. Per aiutare i bambini vittime di violenze, Ferrara suggerisce di far attenzione e un avverbio e ad un sostantivo.

Mapifin

“L’avverbio che ci deve accompagnare e’ ‘improvvisamente’. Quando vediamo che nei nostri figli si verificano delle modifiche improvvisamente: ci deve far riflettere l’aggressivita’, il non voler andare a scuola, il perdere delle acquisizioni (riprendono a bagnare la notte, perdono feci), avere un atteggiamento differente in maniera improvvisa. Ci deve accompagnare la parola dialogo, collaborazione, perche’ non esiste salute senza salute mentale e non possiamo piu’ tollerare che eventi di questo tipo ci portino ad intervenire solo con una prevenzione terziaria che contiene le conseguenze. Noi dobbiamo mirare- conclude Ferrara- quantomeno ad una prevenzione secondaria per evitare che ci siano complicanze. Lo scopo principale e’ lavorare, intercettare precocemente e decodificare i segnali”.

I commenti sono chiusi.