Home Opinioni Lettera a un ragazzo bocciato in terza media

Lettera a un ragazzo bocciato in terza media

1 min read
0

di Daniele Ferro, giornalista ed educatore

Banner

Caro Michele,

Mapifin

mi permetto di scriverti queste righe perché Michele non è il tuo vero nome e queste righe non le leggerai, e non te le potrò leggere perché non so in quale paesello tu viva: forse sono solamente righe espressione di un mio bisogno. Qualche giorno fa ho saputo che non sei stato ammesso agli esami di terza media, e da quel giorno spesso ti penso e ora mi chiedo come starai vivendo questa settimana in cui i tuoi compagni, invece, stanno tornando in quella scuola per non tornarci più a settembre (forse non tutti?).

Non sono stato tuo insegnante, non sono un insegnante e non so perché tu sia stato bocciato, unico in una classe nella quale – da quel che ho capito – non eri l’unico a non “meritarti” di andare avanti. La scuola, dunque, avrà avuto almeno un buon motivo – o due, o tre – per scrivere quella sentenza soltanto su di te: «Non ammesso».

CONTINUA A LEGGERE SU COMUNE.INFO

Comments are closed.