Home Uncategorized Sabrina Paravicini presenta il film “Be Kind” su suo figlio autistico

Sabrina Paravicini presenta il film “Be Kind” su suo figlio autistico

7 min read
0

‘Be KIND. Un viaggio gentile nel mondo della diversità”, il film realizzato dall’attrice e autrice Sabrina Paravicini con il figlio autistico Nino Monteleone per raccontare le storie di persone che hanno fatto della loro differenza un talento. Il teaser del documentario sara’ presentato dalla stessa autrice questa mattina a Roma, al dipartimento di Medicina sociale de l’Universita’ ‘La Sapienza’, al convegno ‘Risorse e vulnerabilita’ del soggetto autistico’. Un evento organizzato dall’Universita’ ‘La Sapienza’, dall’Osservatorio Oisma e dall’Istituto di Ortofonologia (IdO).

“A Nino fu diagnosticato un disturbo dello spettro autistico severo all’eta’ di 2 anni, ma oggi, dopo 10 anni, ha fatto notevoli progressi e si avvicina alla sindrome di Asperger. Probabilmente- racconta la mamma- c’e’ stato un suo percorso personale che ha stupito anche i neuropsichiatri infantili”. Oggi Nino ha 12 anni e un autismo ad alto funzionamento che lo ha portato a sviluppare una notevole creativita’. “Quest’anno ha iniziato la prima Media e per aiutarlo ad affrontare un passaggio che e’ difficile e drastico per tutti- spiega Paravicini- ho pensato che sarebbe stato bello affiancare a un percorso scolastico un percorso creativo fatto insieme a lui”. Da qui l’idea di creare un documentario sul mondo della diversita’: “Partendo proprio dalla diversita’ di Nino abbiamo incontrato quella di molte altre persone”. Non si tratta allora di un film sull’autismo, ma di un film sulla diversita’ di pelle, di religione, di gusti sentimentali e di diversita’ psichica e fisica. “È stato un viaggio per l’Italia durato 7 mesi- prosegue l’attrice- e Nino lo ha fatto con le sue modalita’ da bambino con una sindrome dello spettro autistico”.

“Be KIND” è in fase di completamento e una volta terminato sara’ presentato ai vari festival. “Lavoreremo molto per proiettarlo nelle scuole- precisa Paravicini- perche’ questo lungometraggio accorcia le distanze sulle diversita’”. Il film porta sul grande schermo storie di persone che sono riuscite a trovare la loro felicita’ reagendo ad una situazione di grave disagio. “Hanno saputo fare della loro diversita’ un valore aggiunto – commenta la mamma – perche’ la diversita’ non deve spaventare, anche se spesso accade e in alcuni casi provoca atti di bullismo”. Le difficolta’ relazionali di Nino si sono poste da sempre con i suoi coetanei. “Mio figlio ha delle modalita’ di pensiero diverse rispetto a quelle dei suoi compagni e tendenzialmente avviene un’autoesclusione o un’esclusione. Se, ad esempio, i ragazzi parlano di calcio e figurine, Nino racconta a memoria per un’ora e mezza un libro che ha in mente e che desidera scrivere. Ha un mondo interiore molto forte nella fantasia ed emerge continuamente- afferma la mamma- ma a scuola va bene, non sta assolutamente indietro”.

Proprio perche’ Nino ha un modo di vedere la vita completamente diverso, e’ stato lui ad intervistare i soggetti che appaiono nel documentario. “Ha fatto lui le domande e ha riflettuto profondamente con gli intervistati sulle situazioni che ascoltava”. ‘Be KIND’ punta sulla gentilezza. “In famiglia abbiamo fatto della nostra gentilezza una bandiera e miauguro di creare un contenitore di gentilezza intorno a tutta ladisabilita’. Di fronte a una persona con diversita’, o in qualsiasi scambio familiare, la gentilezza e’ la chiave piu’facile ma meno utilizzata per risolvere i conflitti o perrivolgersi alle persone”. Nel film la diversita’ viene annullata, non esiste. “Sono 85 minuti di storie di vita, di emozioni e di speranza, perche’ quasi tutte le persone portatrici di una disabilita’ hanno una forza eccezionale, sono molto resilienti”. ‘Be KIND’ “e’ stato un mio regalo per l’autonomia di Nino. Vorrei che il film aiutasse a capire alle famiglie di non spaventarsi perche’ se all’inizio il futuro non si vede, poi le cose migliorano e cambiano nel tempo. Se penso a come eravamo 10 anni fa- conclude Paravicini- oggi mi appare un’altra vita”.

Comments are closed.