Invalsi scuola primaria, è sciopero. Il sindacato: “Basta al modello di scuola a crocette”

2  min di lettura

Il ministero dell’Istruzione comunica che il sindacato generale di Base SGB ha indetto uno sciopero “in funzione dell’attuale definizione delle date Invalsi”: per il 3 e l’11 maggio, delle attività connesse alle sole prove nella Scuola primaria (“ci rifiutiamo esclusivamente di distribuire i test, comunicandolo la mattina stessa”, spiega il sindacato); uno sciopero breve delle attività connesse alla gestione dei test Invalsi (compresa la correzione e tabulazione definita da ogni singola istituzione scolastica) a partire dal 3 maggio a tutti i giorni successivi come calendarizzato da ogni Scuola; uno sciopero breve delle attività connesse alle prove Invalsi nella Scuola primaria per il 9 maggio, di correzione e tabulazione delle prove, come calendarizzato da ogni Scuola.

“Questa forma di sciopero – si legge nel sito del sindacato – ha molti vantaggi: in primo luogo siamo comunque presenti a Scuola, quindi possiamo vigilare affinchè i quiz non vengano somministrati o corretti da altro personale (pratica illegittima, ma una volta accaduto il ricorso al giudice per farla interrompere richiede mesi di attesa in complicate cause legali); in secondo luogo, lo sciopero breve non interrompe l’attività didattica, dando quindi forza e risalto all’opposizione al modello di Scuola a crocette”.

I commenti sono chiusi.