Fedeli: “Chi non rispetta gli insegnanti è un pessimo genitore”

4  min di lettura

Fedeli parla di docenti. “L’atto commesso dell’alunno e’ grave e non deve essere sottovalutato. Noi come scuola abbiamo il dovere di educare al rispetto e alla non violenza, per questo e’ necessario rilanciare la funzione di autorevolezza della scuola. Ma bisogna anche che le famiglie si assumano le proprie responsabilita’. Un genitore che per primo non riconosce l’autorevolezza dei docenti e’ un pessimo genitore. Quel che e’ piu’ grave e’ che stanno emergendo episodi di genitori, quindi di soggetti adulti, che aggrediscono gli insegnanti”.

Cosi’ la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, nel corso della della consegna al Miur dell’onorificenza alla professoressa Franca Di Blasio, sfregiata poco piu’ di due mesi fa da un alunno. “Per questo- ha aggiunto Fedeli- la prima cosa e’ rimettere al centro del dibattito pubblico del Paese la funzione scolastica e del docente che hanno anche una funzione sociale. Gli insegnanti non devono essere lasciati soli e quindi bisogna implementare l’educazione al rispetto a partire dagli adulti, dai media e dalle piattaforme online”.

Mapifin

“In molti hanno pensato che il ragazzo che ha sfregiato la professoressa Franca Di Blasio in classe con un coltello provenisse da una famiglia disagiata e in difficolta’ economiche. Non e’ cosi’. Si tratta di una famiglia piu’ che benestante. Il giorno dell’aggressione era appena tornato dalla settimana bianca”. Lo ha detto la preside dell’istituto superiore professionale Majorana-Bachelet di Santa Maria a Vico in provincia di Caserta, Maria Giuseppa Sgambato, a margine della consegna alla professoressa Franca Di Blasio dell’onorificenza come Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Franca Di Blasio fu aggredita, il primo febbraio scorso, da un alunno con un’arma da taglio. “Il ragazzo – ha continuato la preside – si era piu’ volte reso protagonista di episodi di bullismo. Dopo un periodo di detenzione ora e’ stato affidato a una comunita’ di recupero a Napoli. E’ certamente un ragazzo che deve essere aiutato e al quale serve un supporto psicologico”, ha concluso.

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.