Home News Dai social ai colleghi: in arrivo il Codice Deontologico Insegnanti

Dai social ai colleghi: in arrivo il Codice Deontologico Insegnanti

3 min read
0
lascuolaefinita_13

Uso improprio dei social tra professori e studenti, parlare male di un collega insegnante di fronte alla classe o chiamare in causa la famiglia di uno studente di fronte ai suoi compagni. “Per arginare queste ed altre cattive abitudini, come associazioni presidi abbiamo lanciato l’idea di un Codice Deontologico degli Insegnanti”.

E’ quanto spiega all’ANSA il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi di Roma e Lazio Mario Rusconi, intervenuto al convegno “La rabbia che non si vede. Prevenire la psicopatologia in eta’ infantile”, organizzato presso il Policlinico Gemelli. “Oltre al codice civile e penale, gli insegnanti e i presidi hanno un codice disciplinare, gestito dal Ministero. Il Codice Deontologico pero’ e’ un’altra cosa, vuole dare prospettive di comportamento professionale, diventando un patrimonio di tutta la comunita’ scolastica”, spiega. In primis, c’e’ l’etica nei riguardi della famiglia. A tal riguardo “si suggerisce che l’insegnante non faccia mai riferimenti alla famiglia di uno studente di fronte a tutta la classe”.

Nel codice, inoltre, “diciamo che l’uso dei social va regolamentato dal Collegio dei docenti. Se l’insegnante non lo rispetta non sara’ multato, ma richiamato ad attenersi alle regole morali e professionali dell’istituto“. No poi alle “chiacchere di corridoio”, ovvero “nell’ambito della propria scuola, non si parla male della propria scuola. Se ci sono questioni importanti ci sono le sedi per poterne discutere”. No inoltre a parlar male di altri colleghi. “Anche un semplice commento da parte di un professore riguardo l’operato di un collega, se fatto di fronte alla classe, non e’ corretto. Sono esempi di disconferma che ricadono su tutta la scuola”. “Il Codice deontologico per gli insegnanti delle scuole d’infanzia, a cui ha collaborato Save the Children, e’ in dirittura d’arrivo. Ancora in elaborazione invece – conclude Rusconi – quello degli altri ordini di scuola”.

Comments are closed.

Check Also

Estate, il pediatra: “No ai compiti per le vacanze, meglio crediti per lo sport”

Niente compiti per le vacanze ma piuttosto molto sport. Meglio se all’aria aperta e …