Baby gang, gli psicologi: “Dov’è la scuola? Impegnata ad occuparsi di nozioni”

1  min di lettura

“Mancano sia la prevenzione che la repressione e non ci sono regole: quando questa triade si realizza assistiamo all’esibizione di un’adolescenza senza freni”. Lo affermano in una nota la psicologa Maria Rita Parsi e Mario Campanella, autori del libro “Generazione H” (Piemme) nel quale si parla della nuova fenomenologia adolescenziale. “Questi ragazzi che fanno i bulli e gli assassini mancati sono gli stessi che giocano per ore alla playstation, che si isolano dal mondo per vedere Gomorra e che emulano un presente fatto di soprusi e di famiglie completamente assenti. Dov’è la scuola? – si chiedono Parsi e Campanella – Probabilmente è impegnata ad occuparsi di un nozionismo che non fa alcun effetto sui giovani. L’esperienza di Rossi Doria e dei maestri di strada era stata illuminante proprio a Napoli – conclude la nota – ma le cose belle in Italia sono destinate a durare poco”.

Potrebbe interessarti
I commenti sono chiusi.