Home Opinioni Classi pollaio, Rusconi (Anp): “Non si possono formare aule di 30 ragazzi”

Classi pollaio, Rusconi (Anp): “Non si possono formare aule di 30 ragazzi”

1 min read
0

E’ più importante insegnare meglio che non dettare nuove linee guida. E’ il pensiero di Mario Rusconi, numero due dell’Associazione Nazionale Presidi che nell’intervista rilasciata a La Stampa spiega: “Di buone intenzioni è lastricata la strada dell’inferno ma anche quella di questa legislatura”.

Così sulle linee guida in uscita:
“Condivido in pieno l’obiettivo ma l’impegno deve essere duplice – spiega Rusconi a La Stampa riferito all’attuazione delle linee guida -. Non si possono creare classi di 28-30 alunni e pensare poi a realizzare anche l’inclusione personalizzata. La legge 107 della Buona Scuola è piena di ottime intenzioni sull’ampliamento della base formativa ma si devono poi fare i conti con il vero Ministero dell’Istruzione italiano, vale a dire il Mef con i suoi parametri rigidi di spesa che impediscono alle intenzioni di diventare realtà”.

La realtà sulle classi italiane? “E’ che in tutte le periferie italiane abbiamo classi con troppi studenti e tanto disagio. non bastano linee guida per risolvere queste situazioni”.

 

Potrebbe interessarti

Leggi anche

Comments are closed.