Home Opinioni Alessandro Gassmann racconta: “Mio padre mi obbligò a fare l’attore perché andavo male a scuola”

Alessandro Gassmann racconta: “Mio padre mi obbligò a fare l’attore perché andavo male a scuola”

1 min read
0
gassmann

Si intitola Il Premio il nuovo film di Alessandro Gassmann, una storia ricca di farciture familiari, storie incrociate, successi e social che hanno portato il famoso attore e regista a riflettere anche sulla propria vita. Intervistato da Nino Luca per il Corriere, Gassmann ha raccontato: “Mio padre mi obbligò a fare l’attore in uno spettacolo tratto da Pasolini perché andavo male a scuola, non sapevo fare nient’altro”.

Una decisione quella del grande Vittorio che inizialmente lasciò senza parole il figlio neodiplomato: “Volevo fare agraria, mi ero iscritto all’Università di Perugia come ingegnere agrario, ma forse a questo punto penso che mio padre abbia avuto ragione”.

La vita è fatta si di successi, ha aggiunto l’attore nell’intervista, ma anche successi diversi: “Quello vero è l’apprezzamento delle persone per ciò che fai. Il mio più grande successo è mio figlio”.

articoli correlati
Altri articoli by Martina Gaudino
Altri articoli in Opinioni
Comments are closed.

Check Also

“Le telecamere vanno messe nelle presidenze, ecco cosa mi fece il ds”

di Francesca B Non ho mai avuto il coraggio di raccontare quello che mi è accaduto un paio…