Home Didattica ll barattolo della calma di Maria Montessori, un metodo sempre attuale e innovativo

ll barattolo della calma di Maria Montessori, un metodo sempre attuale e innovativo

3 min read
0
calma

Noto come Calming jar, il barattolo della calma è una famosissima tecnica montessoriana che ha la capacità di calmare i bambini, specialmente quelli più capricciosi.

Utilissimo anche a scuola per placare i bimbi iperattivi, il barattolo è oggi irrinunciabile per mamme ed insegnanti.

Maria Montessori, come noto, non era solo un’educatrice, ma anche esperta di comportamento, un medico e uno scienziato. E’ diventata nel corso degli anni un pilastro per la metodologia scolastica grazie alle capacità di affrontare ogni situazione prevedendo anche le azioni dei più piccoli.

Il barattolo, pur essendo semplice e divertente da preparare, ha un vero e proprio potere: rilassare. Funziona con i bambini, ma anche con gli adulti in quanto, scuotendolo, questo crea una sorta di magia, di illusione, che calma, tranquillizza.

Nei bimbi sovraeccitati, la Montessori aveva riscontrato che il barattolo aveva la potenzialità di calmare anche il battito cardiaco che nei momenti di ira o di pianto tende naturalmente ad aumentare.

COME PREPARARE IL BARATTOLO?

Innanzitutto basta prendere un barattolo e riempirlo di acqua calda, colla e glitter. Mescolando per bene si otterrà un composto fluido a cui può essere aggiunta qualche goccia di colorante alimentare a piacere.

E’ fondamentale non riempire il contenitore fino all’orlo perchè il bimbo dovrà vedere il composto miscelarsi grazie allo scuotimento. E’ quindi necessario che ci sia lo spazio affinchè gli elementi si miscelino.

ECCO GLI “INGREDIENTI”

• Un barattolo con coperchio
• Quattro cucchiaini di glitter colorati
• Due cucchiai di colla glitter
• Qualche goccia di un colorante alimentare
• Acqua calda

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Didattica
Comments are closed.

Check Also

Ragazzi, mollate il computer e scrivete in corsivo per il bene di anima e cervello. Il rischio è la disgrafia

Un libro che è un appello al ritorno alla scrittura manuale e che è un racconto di come si…