Home News La Buona Scuola entra nel vivo: addio alla bocciatura, tutti promossi per legge

La Buona Scuola entra nel vivo: addio alla bocciatura, tutti promossi per legge

2 min read
0

La riforma Renzi/Giannini, chiamata Buona Scuola entra nel vivo con l’abolizione per decreto delle bocciature. Più precisamente, alle elementari si potrà bocciare esclusivamente in caso di abbandono scolastico o per le troppe assenze. Addio, dunque, alle sane bocciature per profitto, quelle che, diciamoci la verità, ti facevano saltare dalla sedia ai tempi della scuola di una volta.

Banner

“Le alunne e gli alunni della scuola primaria sono ammessi alla classe successiva e alla prima classe di scuola secondaria di primo grado anche in presenza di livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione”, si legge nel decreto legislativo 62 di aprile. In tutti quei casi in cui la promozione sarà sostanzialmente d’ufficio, la scuola avrà l’obbligo di pensare a specifici corsi di recupero delle lacune.

Mapifin

La bocciatura, insomma, sarà effettiva solo se tutti i docenti saranno d’accordo sia alla scuola primaria che alle medie. Se un solo docente sarà contrario, non ne se ne farà nulla, lo studente passa all’anno successivo.

“Le alunne e gli alunni della scuola secondaria di primo grado – si legge ancora – sono ammessi alla classe successiva e all’esame conclusivo del primo ciclo” fatta eccezione per i casi di “parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline”.

Comments are closed.