Scuola Infanzia, 125mila docenti in esubero: la situazione continuerà ad aggravarsi

3  min di lettura

Esubero di docenti: alla scuola materna sono 125mila in più del dovuto. La triste notizia con la quale presto la scuola italiana dovrà presto confrontarsi: il numero degli alunni cala vertiginosamente. Le cause del decremento delle nascite sono molteplici: dalla crisi economica in cui il mondo occidentale versa, alla crescente disoccupazione che non consente la formazione di nuovi nuclei famigliari.

Ad oggi alla scuola dell’infanzia sono iscritti 1.599.777 bambini. Un dato che, confrontato con il numero dei nati degli ultimi tre anni, ossia 1.473.000 bambini, prevede una riduzione del numero di iscrizioni. A queste cifresi aggiungono quelle delle iscrizioni annuali nei nidi che raggiungono circa 300mila bambini all’anno.

Ad oggi vanno al nido circa il 20,8% dei bambini: nello specifico al centro-nord la percentuale sale al 25% mentre al sud scende al 10% circa. L’ideale sarebbe portare la percentuale al 33% per poter coprire tutto il campione di docenti. A pesare sulle scelte dei genitori sono soprattutto ragioni di tipo economico oppure strutturale. Ad esempio al sud non ci sono molti nidi e le rette aumentano vertiginosamente. L’aspetto economico è fondamentale anche al nord dove a volte si rinuncia proprio a causa delle rette troppo salate.

La situazione, alla quale partecipano una serie di fattori concatenati, è destinata ad aggravarsi in futuro.

I commenti sono chiusi.