Home Notizie dal web Mobilità, impossibile tornare al sud senza il parente invalido

Mobilità, impossibile tornare al sud senza il parente invalido

3 min read
0
legge-104

Sfruttare la Legge 104 risulta il metodo più veloce o, molte volte, l’unico possibile. Per gli insegnanti del sud rientrare a casa con l’aiuto del parente malato sta diventando l’uni strada percorribile. Non è certamente una notizia nuova: la maggior parte dei rientri autorizzati, anche tramite sentenza, sono stati agevolati dalla legge sull’accompagnamento. Senza sarebbe praticamente impossibile e su questo si concentra l’analisi del Messaggero sul delicatissimo tema. Già tempo fa, infatti, la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, aveva dichiarato guerra a chi si approfittava della legge per scavalcare colleghi nella mobilità.

I dati che riguardano l’esodo, che in realtà erano già stati analizzati da tempo, prevedono un esodo molto corposo di lavoratori che assistono parenti disabili. Sono proprio gli insegnanti del sud ad aumentare la media nazionale dei trasferimenti effettuati tramite Legge 104. Senza è praticamente impossibile spostarsi, dei 2902 maestri di scuola circa 624 si sono spostati grazie alla precedenza offerta. Lo scorso anno, con la fase di mobilità straordinaria concessa ai docenti dalla legge della Buona Scuola, si spostarono oltre 150 mila docenti: la maggior parte dei quali utilizzò quella possibilità per lasciare le cattedre del Nord e tornare al Sud, nella provincia di origine.

E’ stata quindi aperta ufficialmente la caccia ai “furbetti”, per evitare che qualcuno si approfitti della tutela. D’altronde questo sembra l’unico modo per tornare, o almeno i dati testimoniano quello. Tra gli insegnanti che tornano al sud ci sono storie di famiglie che spesso devono rinunciare alla figura femminile portante, oppure al padre di famiglia costretto in esilio per lavorare. Da quando esiste la Buona Scuola, insomma, è cominciata una vera e propria battaglia tra i docenti costretti a lasciare le proprie Regioni ed il Governo.

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Notizie dal web
Comments are closed.

Check Also

“Io non c’ero” : il libro che spiega ai giovanissimi le vicende di Falcone e Borsellino e la lotta alla mafia

«La mafia è tutto ciò che ci circonda» è la visione pessimistica di uno dei giovanissimi i…