Home Cronaca Monza, abusi sessuali durante alternanza scuola-lavoro. Ecco come l’orco convinceva le ragazzine

Monza, abusi sessuali durante alternanza scuola-lavoro. Ecco come l’orco convinceva le ragazzine

3 min read
0
ragazza

Le spingeva a farsi fare massaggi intimi, diceva che dalla loro “disponibilità” a procurargli piacere sarebbe dipeso il suo giudizio nell’attestato finale. Sono stati portati alla luce tutti i dettagli della triste vicenda che ha coinvolto le ragazzine durante l’alternanza scuola-lavoro. La triste vicenda orchestrata dall’orco di Monza, un titolare di due centri estetici in Brianza, è stata raccontata dal Corriere della Sera. Il 54enne, imprenditore ed incensurato padre di famiglia, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare e messo agli arresti con l’accusa di violenza sessuale aggravata emessa dal gip Patrizia Gallucci.

A parlare per prima è stata una delle ragazza che si era rifiutata ed aveva messo fine al tiriconio. Le ragazzine riferiscono di frasi dette dall’imprenditore: “Fammi vedere quanto sei brava” piuttosto che “sei meglio delle altre”. Le studentesse si erano sentite costrette ad ascoltarlo facendo ciò che lui chiedeva. Le vittime sono quattro alunne tra i 15 ed i 17 anni, ormai protagoniste dell’orribile storia raccontata già ieri.

Come riferisce il quotidiano nazionale secondo il racconto di alcune giovani, l’uomo si sarebbe spinto anche oltre, prospettando loro di potergli garantire un’assunzione dopo la scuola. Cosa molto allettante per delle aspiranti estetiste che entrano presto nel mondo del lavoro.

Il procuratore capo di Monza, Luisa Zanetti, si è espressa pubblicamente sulla vicenda: “E’ stata dura, per le minori. La loro sofferenza nel rendere dichiarazioni era evidente. Erano preda di un senso di vergogna, per non essere riuscite a dire di no. Temiamo che altre ragazze possano aver subito le stesse cose”.

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Cronaca
Comments are closed.

Check Also

Liceo linguistico senza prof di lingue. Genitori contro il Miur: “Siamo come un panificio senza farina”

L’anno scorso i professori di inglese e francese arrivarono a novembre inoltrato. Qu…