Home Opinioni Basta dare la colpa ai prof, mio figlio è stato rimandato e hanno fatto bene

Basta dare la colpa ai prof, mio figlio è stato rimandato e hanno fatto bene

3 min read
0
mamma

di Antonella Zani

Sono la mamma di uno studente bresciano di 17 anni e qualche giorno fa ho scoperto che mio figlio è stato bocciato anzi, rimandato, non ammesso alla classe successiva, ovvero la quinta di un liceo. Sono una voce fuori dal coro, lo so. Perchè sono costretta a leggere sul gruppo Whatsapp delle mamme che quell’insegnante è cattiva, l’altra dispettosa, un altro crudele e invece no. Io ho difficoltà a gestire un solo ragazzo che mi è figlio, figuriamoci avere tutti i giorni a che fare con una banda di scalmanati come sono i nostri. Antonio non ha studiato, non si  impegnato e nonostante i tentativi dei docenti non ha voluto produrre neanche la minima sufficienza e allora io voglio stringere la mano a chi l’ha bocciato.

La bocciatura non è una punizione, è molto di più. La bocciatura serve a capire che nella vita tutto si paga a caro prezzo e che la fatica è fondamentale per conseguire i risultati. Io non sono un avvocato, un ingegnere come tante delle mamme degli amici di Antonio, sono un’umile casalinga e non mi interessa cosa faccia la professoressa di italiano in casa sua, mi importa che badi a mio figlio e si occupi della sua istruzione.

Antonio è giovane, è brillante, gli bastano 10 minuti per imparare un’intera pagina e nonostante ciò per un anno ho dovuto lottare affinché si mettesse con la testa sui libri e ho trovato delle mie amiche nel mio percorso: le insegnanti di mio figlio che mi hanno aiutata a comprendere la verità e cioè che la scuola è un’esperienza bellissima, ma costa fatica.

Alle mamme voglio dire basta, basta dare la colpa ai professori, mio figlio è stato rimandato e hanno fatto benissimo.

Grazie professori, grazie per avergli dato una lezione di vita.

 

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Opinioni
Comments are closed.

Check Also

Piattaforma Carta del Docente fuori uso: ecco cosa dovranno fare i docenti entro il 1° settembre

Piattaforma Carta del Docente in pausa. Sogei, la società che gestisce la piattaforma per …