Home News Ancodis al Miur: “Riconoscere le figure di middle management per il funzionamento della scuola”

Ancodis al Miur: “Riconoscere le figure di middle management per il funzionamento della scuola”

10 min read
0
ancodis

Mercoledì 14 giugno i Presidenti Territoriali A.N.Co.Di.S. (Associazione Nazionale dei Collaboratori del Dirigente Scolastico) di Palermo, Firenze e Pisa hanno incontrato presso l’I.I.S. Leopoldo Pirelli di Roma la Dirigente Scolastica Dott.ssa De Vincenzi, delegata dal Presidente Anp, Dr. Rembado, a rappresentare Anp.

L’ incontro – svolto in un clima sereno e collaborativo – ha consentito ai rappresentanti ANCODIS di presentare l’Associazione, le proprie finalità unitamente ai punti programmatici che la stessa porta avanti nell’ambito del riconoscimento e della valorizzazione del ruolo dei Collaboratori del DS.

L’Anp ha preso atto degli intenti previsti dal documento programmatico di A.N.Co.Di.S volti a valorizzare e riconoscere la funzione e la personalità giuridica dei Collaboratori del Dirigente Scolastico e condivide pienamente la necessità che nella Scuola italiana debbano essere previste figure quadro intermedie – middle management – ritenute ormai necessarie per la gestione e l’organizzazione delle I.S..

Ritiene che i punti relativi alla necessità della costituzione del middle management ed al ripristino dell’esonero del I° collaboratore abbiano i caratteri di urgenza, così come l’opportunità di una formazione specifica di sistema per quanti – oltre la docenza – sono impegnati nelle diverse forme in attività di collaborazione.
La Dott.ssa De Vincenzi ha ricordato ai delegati che ANP – Associazione Nazionale Presidi e Alte Professionalità della Scuola – è aperta al dialogo, pronta ad accogliere le istanze di ANCODIS attraverso anche un processo di integrazione.

Nel prendere atto di questo interesse e della proposta di integrazione, ANCODIS ribadisce che per Statuto deve mantenere una propria identità associativa perché ritiene che nella scuola italiana oggi più che mai sia necessaria una presenza organizzata che evidenzi in modo specifico la componente dei Collaboratori del DS.
L’ANCODIS, infine, ribadisce la scelta di portare avanti in modo autonomo il percorso intrapreso in questo anno scolastico e, tenuto conto della sicura consapevolezza che hanno i DS dell’importanza del lavoro svolto dai Collaboratori, confida nell’opportunità del confronto con Anp e con le altre Associazioni esistenti al fine di condividere proposte utili al miglioramento della qualità della scuola pubblica.

Successivamente la delegazione AN.Co.Di.S è stata ricevuta al MIUR dal D.T., Dr.ssa Loredana Leoni del Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e Formazione.
Il tavolo di confronto che si è aperto con il Ministero è stato molto costruttivo: si è ragionato, infatti, sull’opportunità di addivenire a scelte condivise per il riconoscimento di Figure di sistema, Middle Management, necessarie per il buon funzionamento delle moderne Istituzioni Scolastiche e della necessità di caratterizzarne e definirne il ruolo giuridico e la carriera, dal momento che queste figure, che sono presenti nella scuola e lavorano da anni al fianco ed al supporto dei DS, ancora non hanno una visibilità e un profilo professionale riconosciuto dalla Legge e dal Contratto Nazionale del Lavoro.

La Dr.ssa Leoni ha dato spunti di riflessione e di lavoro: la costituzione di uno staff dirigenziale a partire dai Collaboratori è fondamentale per garantire la gestione delle I.I.S.S in un’ottica di continua valorizzazione della qualità del servizio della Scuola pubblica italiana.
Tra i punti in discussione anche la necessità di “distaccare” dal servizio di insegnamento – indipendentemente dalla presenza del potenziamento – il Collaboratore del DS delegato alla sostituzione in caso di assenza temporanea per ferie, congedo, aspettativa o altri motivi, non dimenticando, in particolare, le condizioni delle scuole in regime di reggenza che sono in rilevante aumento in alcune aree del paese.

Circa la possibilità della istituzione di figure di sistema intermedie, si è aperto un dibattito sulla necessità di prevedere per tutti i docenti una carriera interna, fondata su una graduatoria di merito e strutturata in modo definitivo nel prossimo CCNL.
Non possiamo più restare fermi alla dicotomia Docenti-Dirigenti ma occorre istituire le figure di livello intermedio che oltre la docenza abbiano riconosciuto – per la progressione di carriera – le funzioni svolte al servizio della governance della propria I.S..

Nella progressione di carriera di un docente deve essere considerata – secondo una valutazione interna – un riconoscimento aggiuntivo per il servizio reso in altra forma!!
Si ritiene, infatti, ormai possibile aggiornare l’organizzazione scolastica con la presenza strutturale di figure che – con responsabilità, modi e tempi diversi – collaborano alla governance di una I.S..

Siamo consapevoli delle difficoltà che si porranno nella definizione di questo rinnovamento “culturale” nel CCNL ma siamo convinti che è ormai un percorso ineludibile e necessario: una carriera interna – in aggiunta all’insegnamento – deve essere possibile e occorre incominciare a parlarne senza pregiudizi.
E noi di ANCODIS abbiamo una sola certezza: la scuola del 2020 non può restare con una struttura organizzativa pensata al passato che certamente non può essere considerata più adatta nel presente e meno che mai riprodotta nel futuro.

Abbiamo confermato alla Dott.ssa Leoni la scelta di essere una Associazione libera ed indipendente da altre forme associative e/o sindacali perché riteniamo opportuno – nel dibattito sulla scuola – fare sentire il punto di vista dei Collaboratori dei DS che prestano la loro professionalità alle scuole in una forma che a tutti – DS, DSGA, docenti, famiglie, alunni – è ben nota ma che di fatto non hanno un riconoscimento né giuridico né economico.

Sulla base degli esiti di questa giornata, A.N.Co.Di.S. si ritiene soddisfatta e decisa a continuare nella strada intrapresa, convinta che la Scuola italiana ha bisogno della nostra voce che non vuol essere fuori dal coro ma deve contribuire al potenziamento ed alla valorizzazione di un moderno sistema scolastico nell’interesse delle future generazioni.

Rosolino Cicero, Presidente ANCODIS Palermo
Cristina Picchi, Presidente ANCODIS Pisa
Silvia Zuffanelli, Presidente ANCODIS Firenze

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in News
Comments are closed.

Check Also

Piattaforma Carta del Docente fuori uso: ecco cosa dovranno fare i docenti entro il 1° settembre

Piattaforma Carta del Docente in pausa. Sogei, la società che gestisce la piattaforma per …