Romania, 3000 euro per diventare insegnanti. Il Miur? Non può opporsi alla validità

3  min di lettura

Diventare insegnante in Romania è una realtà ormai nota e portata alla luce anche di recente attraverso un servizio di Striscia La Notizia con grande disapprovazione da parte dell’esercito di precari della Buona Scuola.

La redazione di OggiScuola ha deciso di provare a contattare chi promuove queste attività per capire in quale modo vengano invogliate le persone a intraprendere questo percorso specialmente in un momento di così grande difficoltà per la scuola italiana avvolta in un inferno tra GaE, Pas, e Tfa.

Innanzitutto,  per conseguire il titolo di abilitazione all’insegnamento nelle scuole di istruzione primaria e secondaria, l’azienda chiede 3000 euro Iva compresa, per l’abilitazione al sostegno 4500 euro comprensivi di Iva.

 

 

Ecco cosa ci hanno risposto alla richiesta di informazioni

1 2 3

 

Dalla conversazione con il socio dell’azienda che propone un corso per diventare insegnante, in Italia non ci sarebbero problemi di alcun genere dal momento che il Miur non può opporsi alla libera circolazione delle professioni all’interno della Comunità Europea.

I commenti sono chiusi.