Home Docenti Insegnanti italiani più vecchi d’Europa, il duplice problema del reclutamento e pensionamento

Insegnanti italiani più vecchi d’Europa, il duplice problema del reclutamento e pensionamento

3 min read
0
insegnanti-anziani

I maestri e i professori italiani sono i più vecchi di tutto il continente. A dirlo è Eurostat, che ha rilasciato un rapporto che da conto dell’età del corpo insegnante a livello europeo. Nella scuola primaria italiana il 52,7% delle maestre (a livello europeo le donne rappresentano l’84% del corpo docente) ha più di 50 anni. Questo significa che in media un’insegnante su due ha mezzo secolo in più dei propri studenti. Se si guarda alle secondarie di primo grado la percentuale sale al 54,3%. Mentre in quelle di secondo grado si sale addirittura al 59,6%.

Il confronto con le altre nazioni europee è impietoso. In Turchia alle primarie solo una maestra su dieci ha più di 50 anni, nel Regno Unito il 17,8%, in Grecia il 18,5%. In Gran Bretagna un’insegnante su cinque ha tra i 25 e i 29 anni, mentre nel nostro paese questa fascia d’età rappresenta appena lo 0,5% del corpo docente. Ovvero una maestra ogni 200, risultato che fa dell’Italia il fanalino di coda a livello europeo.

Salendo di grado, va ancora peggio. Alle secondarie di primo grado solo lo 0,37% dei docenti ha tra i 25 e i 29 anni, contro il 23,5% della Turchia. Anche in questo caso, col 54,3% di over 50, le professoresse italiane sono le più anziane d’Europa. Magra consolazione, in Estonia sono il 50,5% mentre in Germania arrivano al 49,3%.

Questa ricerca deve far riflettere, soprattutto sulla storia delle politiche di reclutamento del corpo insegnante. I dati italiani mostrano una più ampia incidenza della quota dei 50-59enni evidentemente entrati negli anni ‘80, che “schiaccia” gli ingressi delle generazioni più giovani, costituite dai neolaureati. In altre parole insegnanti troppo anziani che ostruiscono l’entrata dei giovani nel comparto scuola, che se rimangono ad aspettare i tempi biblici proposti dalla riforma Fornero ( pensionamenti a 67 anni ), perderanno la loro gioventù professionale e non.

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Docenti
Comments are closed.

Check Also

Ragazzi, mollate il computer e scrivete in corsivo per il bene di anima e cervello. Il rischio è la disgrafia

Un libro che è un appello al ritorno alla scrittura manuale e che è un racconto di come si…