Aggiornamento graduatorie, come ottenere il massimo punteggio

3  min di lettura

Come ottenere il massimo punteggio in vista dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto di 2° e 3° fascia? La strada principale è quella delle supplenze, ma non bisogna tralasciare le possibilità che arrivano da master e corsi di formazione. Per questi tipi di aggiornamento professionale esistono dei punteggi indicati dal Miur. Anche se bisogna far attenzione, soprattutto in caso di master, al monte di ore e di crediti. Per fare un esempio è bene ricordare che un master universitario di I o II livello deve essere di 1500 ore e di 60 crediti. Questo però consente al docente di acquisire 3 punti e di salire, quindi, più facilmente in graduatoria. Senza contare che ad esso possono essere aggiunte certificazioni informatiche  con punteggio massimo di 4 punti, corsi di perfezionamento 1 punto e certificazioni linguistiche. Un’opportunità ulteriore è fornita dal master per l’insegnamento della Lingua Italiana a stranieri, il master relativo ai BES e ai DSA vengono sempre più richiesti non solo dal sistema scolastico, ma anche dai bandi indetti dai comuni e dalle offerte di lavoro pubblicate da associazioni e da enti educativi. Si richiede sempre più un profilo qualificato e specializzato in un settore che ormai vede l’aggiornamento come colonna portante della formazione di un insegnante. Inoltre, va da sé che il Dirigente Scolastico nella valutazione dei curriculum prenderà in considerazione coloro che hanno acquisito maggiori competenze. Un profilo professionale che non presenta master, certificazioni informatiche o linguistiche difficilmente verrà preso in considerazione.

I commenti sono chiusi.