Pusher 18enne beccato a spacciare vicino alla scuola: è il figlio della preside

4  min di lettura

Il blitz è scattato alle 7 e 30 tra un fuggi fuggi di ragazzini intenti ad acquistare la droga. L’operazione, condotta dagli agenti della Squadra Mobile di Ancona, ha portato allarresto di un 18enne, Sean Lough, alunno dell’Istituto d’Arte ‘Mannucci’ in cui la preside è proprio la madre del giovane, la dirigente Milena Brandoni. Un arresto avvenuto nella via dove da tempo avveniva lo spaccio e situata proprio a una manciata di metri dai cancelli di quella scuola. Il giovane era tenuto sotto osservazione dalla polizia da giorni al punto che gli agenti hanno acquisito anche video e foto dell’attività di spaccio del ragazzo trovato, al momento dell’arresto, con 40 grammi di marijuana negli slip e già divisa in dosi pronte per essere rivendute al dettaglio. Uno smercio che avveniva tra le 7.30 e le 8, prima del suono della campanella. Nella fuga di alcuni acquirenti, due minorenni sono stati però bloccati e accompagnati in questura per essere identificati. A seguito della perquisizione sul giovane, i poliziotti hanno anche trovato alcune banconote arrotolate nelle tasche dei pantaloni. Denaro che per i poliziotti farebbe parte del provento delle prime vendite mattutine. Le dosi venivano cedute a 5 euro ogni grammo. Un ulteriore controllo è stato successivamente effettuato da agenti in borghese anche all’interno dell’istituto e, quindi, accertamenti ulteriori anche nell’abitazione in cui vive con i genitori a Camerano.

L’attività avveniva all’esterno della scuola e si concretizzava lungo le scalette di una strada poco distante, vicina alle fermate degli autobus, utilizzate dagli studenti per raggiungere i vicini istituti. Prima di entrare a scuola, gli studenti erano soliti fermarsi con il 18enne per effettuare l’acquisto. Gli investigatori sono riusciti ad immortalarlo mentre cedeva la sostanza stupefacente agli studenti, alcuni dei quali anche minorenni. Su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di turno presso il tribunale di Ancona, il 18enne, che aveva già dei precedenti specifici, è stato arrestato e condotto nel carcere di Montacuto dove si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

I commenti sono chiusi.