Home Breaking News Come combattere il Burnout, la depressione dell’insegnante

Come combattere il Burnout, la depressione dell’insegnante

7 min read
13
studente-disperato-matematica

E’ un fenomeno in crescita costante tra gli insegnanti. Si presenta come un iniziale stato di logorio psicofisico, con sintomi di stanchezza. Poi si passa a difetti di concentrazione, demotivazione, disinteresse e depressione. Il tutto con conseguente riduzione della capacità lavorativa. E’ il Burnout (letteralmente bruciato, fuso). In Italia sarebbero oltre 20.000 le persone colpite, nella stragrande maggioranza docenti. Una vera e propria sindrome invalidante che si sta sviluppando sempre più nel nostro paese e che colpisce, in particolar modo, chi  vuole dimostrare le proprie capacità a tutti i costi, ma, spesso, non si rende conto che il logoramento di cui è vittima gli imporrebbe di riposarsi e pensare al proprio benessere. Secondo il dipartimento di medicina del lavoro dell’Inail tra i fattori determinanti ci sarebbe proprio un’eccessiva dedizione al sacrificio. Caratteristica molto diffusa tra gli i nsegnanti. Esistono molteplici cause di carattere organizzativo, come le condizioni di lavoro (classi numerose, carenza di attrezzature), l’organizzazione scolastica (eccessive pratiche burocratiche, carenza di percorsi di aggiornamento significativi) e le “politiche” scolastiche (limitata possibilità di carriera, retribuzione insoddisfacente, precarietà e mobilità). All’interno della gamma degli “ammortizzatori” del Burnout si possono citare le relazioni familiari solide e che offrono una rete di sostegno emotivo adeguata, il genere (le donne possiedono maggiori risorse emotive) e l’età di servizio (gli anziani hanno più esperienza lavorativa e strumenti per affrontare situazioni stressogene). Altre condizioni favorenti sono il supporto di colleghi e il livello di autoefficacia percepita, attraverso il riconoscimento del proprio lavoro da parte di superiori e utenti. Nell’ ottica cognitivo-comportamentale, i pensieri che assorbono la vittima di burnout ruotano intorno a due convinzioni “l’utente è ingrato, insensibile ai miei sforzi di aiutarlo”, ma anche “sono abbandonato dall’azienda, non riconoscono i miei sforzi, e quindi mi sento inutile”.
Questo atteggiamento mentale determina risposte emotive e comportamentali di aggressività, che si alternano a disperazione e inutilità, “non riesco a raggiungere i miei obiettivi, devo impegnarmi di più”. L’obiettivo del trattamento è cambiare questo modo di pensare per ridurre l’intensità delle emozioni negative (e della conseguente tensione corporea) e creare un clima sereno e produttivo all’interno dell’ambiente lavorativo.

Per migliorare i rapporti con colleghi, superiori e allievi a scuola, è utile apprendere tecniche di assertività, abilità che serve a contrastare sia la tendenza alla passività “non sono in grado di aiutare nessuno” sia cinismo e aggressività, apprendendo a rispondere a richieste eccessive con chiarezza, calma e salvaguardando il rapporto di fiducia con l’utenza e l’immagine lavorativa.

Fulcro della terapia è la ristrutturazione cognitiva dei pensieri depressivi del tipo “l’alunno non apprende, sono un incompetente” con pensieri più razionali e positivi sul tono dell’umore come “farò del mio meglio con i mezzi a mia disposizione”. La collaborazione con i colleghi è poi fondamentale per sfogare le proprie frustrazioni e preoccupazioni e diminuire il peso delle responsabilità. A questo fine il supporto dato da gruppi di sostegno con altre persone che vivono la stessa condizione di logoramento, e la vicinanza dei familiari, evitano il sovraccarico di ansie e tiene lontani da comportamenti dannosi per sé e gli altri.

Mettere in primo piano i propri bisogni (coltivando hobby e interessi o riprendendo i contatti sociali che si erano persi concentrandosi troppo sul lavoro), servirà a non logorare le energie indispensabili per curare le persone che chiedono a loro volta aiuto. Ad oggi sul Burnout è possibile intervenire con ottimi risultati, ma è necessario rendersi conto che continuare a negare le proprie necessità primarie (riposo, svago, tranquillità) porta solo all’autodistruzione e che si ha urgente bisogno di aiuto per cambiare stile di vita e far riemergere il rispetto per sé, l’ottimismo, la gioia di vivere.
Uscire dal Burnout è possibile, quindi, attraverso il controllo sulle proprie priorità di vita, sulle proprie emozioni e l’impegno per la riorganizzazione di un ambiente di lavoro in cui siano chiari ruoli, compiti da svolgere, aspettative realistiche di miglioramento delle difficoltà degli utenti, così da non superare i limiti personali ed esaurire le proprie energie interiori.

articoli correlati
Altri articoli by Redazione
Altri articoli in Breaking News

Lascia un commento

Check Also

Formazione obbligatoria, le indicazioni per i docenti di sostegno

Lo scorso 8 novembre il Miur ha pubblicato una circolare, la n° 0047777, in cui vengono da…